Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:08 - Lettori online 981
RAGUSA - 27/05/2013
Attualità - In piazza la consegna dei premi Ibla. Hanno funzionato i bus navetta

Ad Ibla il patrono S. Giorgio tra solidarietà e fede

Il tradizionale spettacolo dei fuochi d’artificio dopo la lungaa processione per le vie del centro storico ha concluso la festa Foto Corrierediragusa.it

Un coloratissimo spettacolo pirotecnico (nella foto) ha chiuso l’edizione 2013 della festa di S. Giorgio. In piazza Duomo sono rimasti in tanti a seguire i giochi di artificio successivi alla fine della processione che hanno segnato il ritorno del simulacro del patrono in chiesa. E’ stata una festa ancora una volta caratterizzata dalla devozione e dalla grande partecipazione.

La lunga processione si è snodata subito dopo la funzione religiosa concelebrata dal vescovo Mons. Paolo Urso, lungo le vie del centro barocco dove è stata accolta tra due ali di folla. L’edizione 2013 è stata caratterizzata, oltre che dalla devozione, anche dalla solidarietà e dall’attenzione per i malati. Questi i messaggi lanciati nella tre giorni conclusiva. «Innalziamo i nostri occhi l glorioso patrono S. Giorgio perché benedica la città» ha detto il parroco don Pietro Floridia. Il simulacro nel corso della sua visita alla città alta ha poi sostato presso la statua della Madonna di Lourdes per testimoniare la sua vicinanza a quanti soffrono. L’associazione S. Giorgio da parte sua devolverà il ricavato delle offerte raccolte alla sezione parrocchiale della associazione «S. Vincenzo dei Paoli» per la distribuzione di derrate alimentari e vestiario agli indigenti residenti ad Ibla.

In piazza Duomo si è tenuta l’edizione 2013 del premio Ibla che quest’anno ha premiato il prefetto Giovanna Cagliostro, il procuratore della Repubblica Francesco Puleio ed il comandante provinciale della GdF, Francesco Fallica. Dal punto di vista logistico la giornata della festa non ha fatto registrare intoppi grazie all’istituzione dei bus navetta tra piazza Libertà ed il quartiere barocco che hanno riversato migliaia di persone evitando così intasamenti ed ingorghi. Notevole l’impegno della Polizia municipale ma tutto è andato per il verso giusto a cominciare dal rientro nel corso della tarda serata che è avvenuto con regolarità.