Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 415
RAGUSA - 24/05/2013
Attualità - Interlocutorio l’incontro con il presidente della commissione regionale Ambiente e Territorio

Via Paestum: sarà il nuovo sindaco ad occuparsene

Le Ferrovie dello Stato, grazie alla mediazione del prefetto, hanno fatto slittare la chiusura del passaggio a livello a dopo l’estate

Sarà l’assessore regionale alla Infrastrutture a dirimere la questione della chiusura del passaggio a livello di via Paestum. Il problema è dunque rinviato a dopo l’elezione del nuovo sindaco che si ritroverà sul tavolo la grana. Le Ferrovie dello Stato hanno rinviato infatti a dopo l’estate la chiusura del passaggio a livello grazie alla mediazione del prefetto, Annunziato Vardè, ma la questione resta aperta. L’argomento è stato discusso in sede di commissione Ambiente e Territorio a Palermo dove i componenti del comitato «No muro», il commissario straordinario Margerita Rizza ed il presidente del consiglio comunale, Giuseppe Di Noia, sono stati convocati dal presidente, Giampiero Trizzino.

Il comitato ha spiegato le motivazioni del no alla chiusura per via di questioni di vivibilità di una zona della città dove risiedono 20 mila abitanti, di sicurezza e di protezione civile, visto che l’attraversamento di via Paestum consente di raggiungere le vie di fuga in caso di calamità. Il presidente Trizzino ha proposto di rinviare il tutto all’assessore alle Infrastrutture prima di concertare una proposta che possa essere accettata dalle Ferrovie dello Stato.


bravo comitato
24/05/2013 | 23.38.58
giorgia v.

complimenti ai rappresentanti del comitato No al Muro che si sono opposti dall´ inizio al muro in via Paestum. nessun esponente politico ritenendo la battaglia persa in partenza si era istituzionalmente attivato per impedire la chiusura per paura di perdere consensi! speriamo ora non salgano sul carro del vincitore e rivendichino la paternità di questi importantissimi risultati ottenuti dai semplici ma intelligenti cittadini!!! speriamo di portarne alcuni di questi al governo della città.


abbassare la linea ferrata
24/05/2013 | 15.27.14
Mario Brunetto

ma ci vuole solo un po´ di cervello e capire come risolvere la storia del passaggio a livello di via Paestum a partire dalla piazzetta di via palma di Montechiaro ci vuole di abbassare il binario la linea ferrata e fare un ponte come quello di via Archimede che la ferrovia passa di sotto o come in via padre Anselmo con la Ludovico Ariosto che la ferrovia passa di sotto e il problema è risolto definitivamente non si può chiudere una arteria cosi importante della Città o chiudere e creare un cavalcavia pedonale " ASSURDO " costa meno abbassare il livello dalla via palma di Montechiaro fino alle sbarre e fare passare i binari sotto la strada ma ci vuole tanto a capire queste cose o si e abituati oramai a farne sempre un problema o un dramma per cose di poco conto . MA GLI INGEGNERI COMUNALI NON HANNO IDEE ?


abbassare la linea ferrata
24/05/2013 | 15.24.39
mario

ma ci vuole solo un po´ di cervello e capire come risolvere la storia del passaggio a livello di via Paestum a partire dalla piazzetta di via palma di Montechiaro ci vuole di abbassare il binario la linea ferrata e fare un ponte come quello di via Archimede che la ferrovia passa di sotto o come in via padre Anselmo con la Ludovico Ariosto che la ferrovia passa di sotto e il problema è risolto definitivamente non si può chiudere una arteria cosi importante della citta o chiudere e creare un cavalcavia pedonale " ASSURDO " costa meno abbassare il livello dalla via palma di Montechiaro fino alle sbarre e fare passare i binari sotto la strada ma ci vuole tanto a capire ste cose o si e abituati oramai a farne sempre un problema o un dramma per cose di poco conto . MA GLI IGEGNERI COMUNALI NON HANNO