Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:40 - Lettori online 1449
RAGUSA - 22/05/2013
Attualità - "Stangata" in arrivo per le famiglie

Dal prossimo anno andare a scuola costerà il 20% in più

L’aumento per tutte le fasce è consistente

Andare a scuola costerà almeno il 20 per cento in più ad ogni famiglia dal prossimo anno scolastico. E’ l’effetto dell’adeguamento delle tariffe del trasporto scolastico relativo sia agli studenti della scuola dell’obbligo sia a quanti si recano in altre città per frequentare un istituto specifico. Fino a quest’anno quanti, per esempio, si recano a Modica per frequentare i corsi dell’istituto alberghiero o a Comiso per l’istituto d’arte, hanno usufruito del trasporto gratuito. Non sarà più così e le famiglie dovranno sborsare da 10 € per le fasce di reddito più basse a 50 € per quelle più alte. Bisognerà insomma coprire il 36 per cento del costo del trasporto per studente che è stato quantificato in 75 €. Lo stesso discorso vale per quanti, pur abitando in città, abitano in zone decentrate o rurali, ed hanno quindi bisogno del mezzo di trasporto per arrivare a scuola. Gli aumenti vanno dai 10 euro per le fasce fino a 10 mila euro di reddito, poi vanno a 25 € mensili da 10 mila fino a 15 mila € di reddito, 40 € da 15 a 20 mila di reddito, da 20 mila a 25 mila € si pagheranno 60 € mensili, 80 € da 25 a 30 mila €, 100 € da 30 mila a 35 mila €, 130 euro da 35 mila € di reddito annui in su.

L’aumento per tutte le fasce è consistente se consideriamo che fino aa quest’anno la tariffa mensile più bassa è stata di 10 euro fino a 12mila euro di reddito e quella più alta di 50 euro. Il servizio scuolabus costa al comune 450 mila euro all’anno ed il commissario straordinario ha applicato le tariffe che consentono di coprire fino al 35 per cento del servizio. Una consolazione per le famiglie è rappresentata invece sulle rette per gli asili nido. Le tariffe non cambieranno, infatti, ma mutano solo le fasce reddituali. Aumenteranno, ma solo di pochi euro, i ticket per le fasce più alte di reddito.