Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:06 - Lettori online 1478
RAGUSA - 19/05/2013
Attualità - Il prefetto Vardè ha convocato un tavolo tecnico per mercoledì 29 per la Ragusa Catania

Autostrada Sr-Gela, per Crocetta "Si farà"

Il promotore finanziario avrebbe già costituito la società che dovrà firmare la convenzione Foto Corrierediragusa.it

Dubbi, rassicurazioni, interrogativi. Sulla Ragusa Catania (nella foto) non ci sono ancora certezze e tutto è rinviato all’incontro che si terrà in prefettura mercoledì 29. Ci saranno Mauro Coletta, che sarà verosimilmente l’uomo più atteso visto che riveste il ruolo direttore generale per le concessioni autostradali, il parlamentare Nino Minardo , che ha sollecitato l’incontro, i commissari di Camera di Commercio, Sebastiano Gurrieri e di provincia, Giovanni Scarso. In questi giorni si è passati dalla preoccupazione per il ventilato taglio dell’opera alle rassicurazioni che sono arrivati dal ministro delle Infrastrutture, Maurizio Lupi e poi dallo stesso presidente della Regione, Rosario Crocetta, che non solo ha voluto sgombrare ogni dubbio ma ha anche rilanciato sull’impegno della Regione per allungare l’autostrada Siracusa Gela fino allo snodo di Marina di Ragusa.

Lo stesso Crocetta ha smentito tutte le voci che vorrebbero il promotore finanziario che dopo tanti anni non riterrebbe più appetibile il progetto. Il tutto sembra essere comunque smentito dal fatto che i tecnici hanno lavorato proprio sui luoghi per i carotaggi propedeutici alla stesura del progetto definitivo. Ieri intanto il raggruppamento di imprese che si è aggiudicato il progetto (Silec, Maltauro, Egis e Tecnis) non solo ha ottenuto la fidejussione bancaria necessaria per affrontare gli impegni finanziari della convenzione ma avrebbe anche costituito la «società di soggetto», ovvero l’organismo giuridico che dovrà firmare la convenzione.

Coletta ha inoltre rassicurato sulla disponibilità del governo nazionale dell’appostamento dei fondi, 900 milioni di euro, che si aggiungeranno a quelli investiti dai privati, per realizzare l’opera. Al prefetto Domenico Vardè toccherà presiedere il tavolo tecnico di mercoledì 29 e cercare di mettere punto su un vicenda che si è prolungata a dismisura ma che ora sembrerebbe arrivata alla fase finale.