Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 700
RAGUSA - 02/05/2013
Attualità - E’ la prima volta che la statua della Madonnavarca la soglia del palazzo del Governo

La Madonna Pellegrina è stata accolta in Prefettura

Intenso il programma di iniziative e di incontri fino a lunedì 13 Foto Corrierediragusa.it

La Madonna Pellegrina ha portato il proprio messaggio di speranza all’interno dei saloni di rappresentanza della Prefettura di Ragusa ( nella foto). Un evento inedito per la «Peregrinatio Mariae» di solidarietà con la venerata immagine proveniente dal santuario di Fatima. Un evento che ha visto la partecipazione del personale dipendente dell’Ufficio territoriale del governo oltre ai massimi rappresentanti istituzionali e delle forze dell’ordine dell’area iblea.

A dare il benvenuto alla Madonna Pellegrina c’erano, infatti, il vice prefetto vicario Maria Rita Cocciufa, il questore di Ragusa, Giuseppe Gammino, il comandante provinciale dell’Arma dei carabinieri, Salvatore Gagliano, il comandante della Polstrada, Gaetano Di Mauro. Con un gesto carico di valore simbolico, è stata il viceprefetto vicario Maria Rita Cocciufa a porre sul capo della statua la corona della Vergine e tra le mani il Santissimo Rosario. Un momento sottolineato dagli applausi dei presenti.

Oltre al personale dipendente dell’Utg anche i volontari dell’Avo e i componenti dell’Associazione nazionale carabinieri. Don Giorgio Occhipinti ha letto uno stralcio del messaggio inviato dal rettore del Santuario di Fatima, padre Carlos Cabecinhas, in cui si sottolinea che «nelle condizioni attuali della nostra società, abbiamo bisogno di ritornare a Dio nella semplicità del cuore. La semplicità di chi riconosce che Dio ha il diritto di entrare nella mia vita perché a Lui appartiene». «Abbiamo aperto la Prefettura a questo momento religioso molto significativo – ha detto la Maria Rita Cocciufa – perché ci è sembrato carico di attenzione verso le esigenze di chi soffre. Del resto, questa è la casa dei cittadini». Venerdì la «Peregrinatio Mariae» si arricchisce di un’altra tappa che si annuncia parecchio interessante. A Giarratana, alle 8,30, nella parrocchia Maria Santissima Annunziata e San Giuseppe, ci sarà la santa messa presieduta da don Occhipinti. Alle 9,30 il pellegrinaggio dei bambini delle scuole. Alle 18,30, poi, la celebrazione eucaristica presieduta dal parroco don Biagio Ravalli.

L´arrivo a Marina di Ragusa
E’ arrivata puntuale a Marina la Madonna Pellegrina, proveniente dal santuario di Fatima. Una cerimonia che ha aperto la «Peregrinatio Mariae» di solidarietà promossa, per il quinto anno consecutivo, da don Giorgio Occhipinti, direttore dell’Ufficio diocesano per la Pastorale della salute. E’ statala parrocchia di Maria Santissima di Portosalvo ad ospitare i fedeli che non hanno voluto mancare all’appuntamento.

Il parroco, don Mauro Nicosia, ha ringraziato don Occhipinti per la continua attenzione rivolta ai fedeli della frazione rivierasca del capoluogo. «Durante la permanenza della Madonna Pellegrina nella nostra Diocesi – afferma don Occhipinti – pregheremo in particolare per il nostro Papa Francesco (il 13 saremo in unione spirituale con il Santuario). Quando Papa Francesco si recherà a Fatima, l’ufficio per la Pastorale della Salute organizzerà un pellegrinaggio per ammalati e pellegrini. Nel frattempo, è previsto, in occasione dell’Anno della Fede, un pellegrinaggio a Fatima e a Santiago di Compostela».