Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 1083
RAGUSA - 14/04/2013
Attualità - Martedì a Palermo incontro con l’assessore alle Infrastrutture per ulteriore proroga

Chiusura passaggio a livello Ragusa: è "No"

L’ultimatum di ferrovie dello Stato scade il 6 maggio e la classe politica si mobilita Foto Corrierediragusa.it

Il comitato «No muro» ha ribadito la sua opposizione alla chiusura del passaggio a livello di via Paestum. La manifestazione di sabato mattina (nella foto) ha vista un nutrita presenza di residenti ma la partecipazione del resto della città è stata invece impercettibile. Corposa e quasi al completo la presenza di parlamentari e candidati sindaci che non hanno mancato l’occasione di dare la loro solidarietà alla battaglia intrapresa dai residenti anche se si deve proprio alla «dormita» generale della classe dirigente della città la situazione che si vive oggi in via Paestum. Le Ferrovie dello Stato hanno dato un ultimatum da anni suggerendo la costruzione di un sovrappasso e di un sottopasso per garantire la viabilità da e per il quartiere a monte di via Paestum dove sono insediati oltre 20 mila abitanti.

Sergio Firrincieli, presidente del comitato «No Muro» è stato chiaro con tutti: «Chiediamo il mantenimento del passaggio a livello ed il rafforzamento delle misure di sicurezza e miriamo ad una rinegoziazione delle misure adottate da Ferrovie dello Stato 20 anni fa, ormai superate». Il comitato ha fretta perchè le Ferrovie, dopo incontri e mediazioni anche sotto la spinta del prefetto Annunziato Vardè, hanno fissato il limite ultimo. Il 6 maggio dovrebbe essere chiuso il passaggio a livello ed eretto il muro.

La politica si è fatta oggi carico del problema ed ha trovato modo di trovare un ulteriore interlocuzione, tramite il senatore Giovanni Mauro, con il presidente di ferrovie dello Stato, Lo Bosco e con il direttore del compartimento Sicilia Cucinotta. IL parlamentare ha dato per scontata un’ulteriore proroga mentre martedì a Palermo i rappresentanti del comitato saranno ricevuti dall’assessore regionale alle Infrastrutture alla presenza dei parlamentari, Di Giacomo, Assenza e Dipasquale.