Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 1057
RAGUSA - 03/04/2013
Attualità - Circa 300 richieste al giorno per forniture con autobotti

L´emergenza acqua non fa segnare passi in avanti

Denuncia di Mario D’Asta. Intanto sono state messe a disposizione altre autobotti da parte di Vigili del Fuoco e Forestale

L’emergenza acqua permane anche se in questi giorni sono stati messi a disposizione alcune autobotti di Vigili del Fuoco e Forestale. La situazione più grave si registra alla periferia ovest e sud della città con particolare riferimento alla zona di viale delle Americhe dove l’acqua non arriva tranne che con le autobotti. Le richieste medie in un giorno sono di 300 e vengono smaltite secondo un preciso calendario cronologico. La disponibilità di altre autobotti dovrebbe migliorare la situazione.

Sulla questione acqua è intervenuto Mario D’Asta de «La Destra»: Non si è registrato un solo miglioramento da quando l’emergenza ha preso il via. Anzi, se possibile, alcune situazioni gravi, nonostante si siano amplificate, sono rimaste sotto silenzio, come se fossero state risolte. Purtroppo non è così. E la mancata disponibilità di autobotti registratasi nei giorni antecedenti il periodo festivo, ha finito con il rendere peggiore un quadro già devastante. Leggiamo dei tentativi del commissario straordinario del Comune di Ragusa di attivare, attraverso una serie di allacci, fonti alternative di approvvigionamento idrico. Noi speriamo che tutto proceda come da programma e che questo momento difficile nella vita di Ragusa, che ormai dura quasi da circa due mesi e mezzo, possa rimanere soltanto un pessimo ricordo. Però, secondo le nostre valutazioni, c’è ancora molto da fare. E auspichiamo che qualcosa di positivo, davvero, possa succedere».