Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 901
RAGUSA - 23/03/2013
Attualità - Nonostante le rassicurazioni le Ferrovie hanno preso la loro decisione irrevocabile

Via Paestum, passaggio a livello chiude il 6 maggio

Il comitato chiede conto e ragione e prefigura azioni volte all’individuazione dei responsabili di una decisione definita "sciagurata"

Niente sconti. Il 6 maggio le Ferrovie chiuderanno il passaggio a livello di via Paestum. La comunicazione è pervenuta sul tavolo del prefetto Annunziato Vardè che si era fatto promotore di un incontro tra il commissario Margherita Rizza, i tecnici delle Ferrovie ed alcuni rappresentanti del comitato che ha detto no alla chiusura della strada. Le Ferrovie hanno anche comunicato che per un anno lasceranno un arco pedonale per l’attraversamento dando così il tempo al comune di realizzare il sovrappasso pedonale.

A nulla sono dunque valse le proteste, le riunioni e gli appelli rivolti dai residenti e dal comitato e le Ferrovie si sono fatte forti dei documenti risalenti al 1998 che prevedono appunto la chiusura del passaggio a livello. Grande il rammarico tra i residenti che sperano ancora in un ravvedimento e nell’ulteriore intervento del prefetto. Il comitato annuncia poi che la decisione persa dalle Ferrovie è «devastante ed annuncia poi che «all’indomani della sciagurata eventualità chiederemo a chi di dovere di verificare a partire dalla stipula della convenzione con le Ferrovie, e via di seguito per venti anni, se ci sono state negligenze e quanti se ne sono resi protagonisti perché a pagare non possono essere sempre i cittadini».