Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 464
RAGUSA - 13/02/2013
Attualità - Primo appuntamento domenica alle 10 alla scoperta del sito

Conoscere ambiente e storia della vallata S. Domenica

Iniziativa promossa dai tre Centri commerciali naturali, associazioni ambientaliste e culturali della città

Tutti insieme per recuperare il patrimonio ambientale rappresentato dalla vallata Santa Domenica. «Isole Iblee» e gli altri due centri commerciali naturali, "I tre ponti" ed "Antica Ibla", aderiscono, infatti, al laboratorio «Insieme-in-Città», nell’ambito della federazione «Una R.o.s.a. per Ragusa», vale a dire la «Rete delle organizzazioni sociali ed associazioni», di cui fanno parte anche Legambiente, Kalura e SpeleoClub. Giorgio Flaccavento farà da cicerone per offrire una lettura storico-culturale del sito.

Si comincia questa domenica con l’iniziativa denominata «La Cava Santa Domenica: un parco urbano possibile». La partenza è fissata per le 10 di domenica in piazza San Giovanni, angolo via Mariannina Coffa. Nella prima parte del percorso, fino a piazza Carmine, l’architetto del Comune Marcello Dimartino illustrerà il progetto di fattibilità del recupero della Cava Santa Domenica. Successivamente, si scenderà al Largo San Paolo percorrendo le scale di Cava Velardo, via Velardo e via Giusti. E’ prevista una sosta per il pranzo; subito dopo Giovanni Distefano illustrerà gli insediamenti preistorici insistenti sul Largo San Paolo e guiderà i partecipanti lungo il perimetro delle mura bizantine della Ragusa pre-terremoto, fino ai ruderi dietro la chiesa del Santissimo Trovato.

Il laboratorio «Insieme-in-Città» si è proposto anche di incontrare l’attuale commissario straordinario al Comune con lo scopo di avviare un’attività che consenta di garantire una costante fruizione della vallata.