Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 933
RAGUSA - 04/02/2013
Attualità - Decisione a sorpresa del neo commissario straordinario Asp Aliquò

Asp 7: bloccato appalto di 80 milioni

Sulla scelta di bloccare la gara per i pasti e la pulizia, Aliquò spiega che sono state salvaguardate le casse dell’azienda Foto Corrierediragusa.it

Maxi appalto da 80 milioni di euro bloccato per l´Asp 7 di Ragusa. La decisione a sorpresa è stata assunta dal neo commissario straordinario Angelo Aliquò (foto), che ha bloccato la gara per l´affidamento quinquennale dei servizi di pulizia e ristorazione negli ospedali della provincia iblea: il "Maria Paternò Arezzo" e il "Civile" di Ragusa, il "Maggiore" di Modica, il "Guzzardi" di Vittoria, il "Regina Margherita" di Comiso e il "Busacca" di Scicli.

In ballo c´erano forniture per 80 milioni di euro, di cui 52 milioni per le pulizie e 28 milioni per i pasti. E´ stata una delle prime iniziative del neo commissario dell´Asp di Ragusa ed ex capo della segreteria tecnica dell´assessorato regionale alla Sanità ai tempi in cui era guidato da Massimo Russo. Aliquò i primi di dicembre ha preso il posto di Salvatore Cirignotta, l´ex magistrato al vertice dell´Asp di Palermo, ora rimosso dal governatore Rosario Crocetta e dall´assessore Lucia Borsellino e finito sotto inchiesta della procura della Repubblica per le vicende legate alla presunta turbativa d´asta di una gara per la fornitura di 40 milioni di euro di pannoloni assorbenti.

A metà gennaio Aliquò ha deciso di stoppare la delibera che nel novembre 2012 aveva indetto la gara per l´affidamento delle pulizie e della ristorazione in global service, e cioè un mega contratto che racchiude servizi in settori distinti. Sul tema della ristorazione l´indirizzo è chiaro: niente esternalizzazione, l´azienda possiede attrezzature e personale per preparare i pasti. In ballo c´era anche la salvaguardia del personale. Discorso diverso per le pulizie, già affidate a ditte esterne che hanno contratti già scaduto o in fase di proroga. Per questi si dovrà fare una nuova gara, ma non più in regime di global service.

Sulla scelta di bloccare la gara per i pasti e la pulizia, Aliquò spiega che sono state salvaguardate le casse dell´azienda: "Ho ritenuto l´importo della gara poco conveniente. abbiamo le cucine e non c´è bisogno di esternalizzare il servizio". E il caso Cirignotta? Aliquò non entra nel merito, ma spiega: "Ogni commissario è tenuto a rispettare le norme, amministro i soldi di un´azienda pubblica, non i miei. Mi dispiace se c´è qualcuno che non lo ha capito. C´è in gioco la propria vita di amministratore ma soprattutto l´imagine della sanità siciliana".

E non resterà l´unico appalto bloccato dal neo commissario. In settimana, infatti, sarà revocata la gara per la realizzazione del sistema Ris Pax che prevede la trasmissione delle immagini radiografiche tra i vari presidi sanitari. Su questa gara si era pronunciato anche il Tribunale amministrativo regionale che ha accolto il ricorso di una ditta esclusa, sollevando profili di nullità del bando. Ci sarà un nuova gara con un capitolato studiato per consentire la partecipazione di più aziende.