Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 833
RAGUSA - 01/02/2013
Attualità - Consegnate Medaglie d’onore ai familiari di di due cittadini internati nei lager nazisti

La "Giornata della Memoria" nei saloni della Prefettura

Il prefetto, Annunziato Vardè, nel suo intervento, ha rimarcato la necessità di mantenere vivo il ricordo di quanto di terribile è accaduto Foto Corrierediragusa.it

Il «Giorno della memoria» è stato celebrato nei Saloni di Rappresentanza della prefettura (nella foto) con una cerimonia presieduta dal prefetto Annunziato Vardè. Hanno partecipato, tra gli altri, alcuni deputati dell’assemblea regionale siciliana, il vescovo della diocesi di Ragusa, i commissari straordinari del comune capoluogo e della provincia, i sindaci dei comuni della provincia, i vertici provinciali delle forze dell’Ordine, i rappresentanti delle associazioni combattentistiche e d’arma nonché una rappresentanza di studenti della scuole superiori iblee. Durante la cerimonia i bambini del coro Mariele Ventre hanno eseguito l’inno nazionale, sono stati proiettati alcuni video ed un filmato-documentario sul tema.

Il prefetto, nel suo intervento, ha rimarcato la necessità di mantenere vivo il ricordo di quanto di terribile è accaduto, come monito per un impegno condiviso che coinvolga soprattutto i giovani, finalizzato a contrastare ogni forma di violenza, di intolleranza e di discriminazione.

Dopo una breve conferenza di carattere storico, è stata consegnata ai familiari di due cittadini Giovanni Gurrieri e Calogero Modica, la Medaglia d´onore ai cittadini italiani deportati e internati nei lager nazisti conferita dal Presidente della Repubblica: nella circostanza, commozione ha suscitato la testimonianza della figlia di uno degli insigniti. La manifestazione si è conclusa con la poesia ´Se questo è un uomo´ di Primo Levi e con il messaggio di speranza affidato all’ulteriore esibizione dei bambini del coro, con il canto «La Pace si può».