Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:15 - Lettori online 1083
RAGUSA - 24/01/2013
Attualità - Cesare Sorbo, presidente dell’associazione, evidenzia i problemi ddei commercianti

Ascom vuole i parcheggi sul ponte Pennavaria

Levata di scudi dei titolari dei negozi di via Roma rispetto al progetto di eliminare gli stalli creati

L´Ascom vuole i parcheggi sul ponte Pennavaria. Almeno fino a quando il ponte non sarà sottoposto a restyling come in via Roma. Cesare Sorbo, presidente dell´associazione, è categorico e non intende cedere su questo punto. Per l´Ascom non bastano i parcheggi coperti di Carmine Putie e piazza Poste e ritengono la scelta di eliminare gli stalli sul ponte "infelice" perchè non tiene conto delle esigenze dei commercianti in un momento difficile.

Dice Cesare Sorbo: "Quale sarebbe il motivo per cui occorrerebbe lasciare libero dai parcheggi questo spazio che, invece, torna utile agli operatori del settore in un momento così complesso? Ritengo che dovrebbe prestare maggiore attenzione chi, senza una giustificazione logica, esprime pareri che, pur rispettabili, in questo particolare momento darebbero vita a stravolgimenti che rischiano di avere conseguenze di un certo tipo in danno ad operatori che si adoperano al massimo per sopravvivere. Penso che siano soltanto iniziative strumentali. Vorremmo assistere, invece, e sarebbe ora, a quelle più serie e concrete che possano interessare realmente la città».

Sulla stessa lunghezza d’onda anche alcuni esercenti, le cui attività commerciali insistono in zona. Per Salvatore Marinelli, «fare a meno di questi venti-trenta parcheggi significherebbe penalizzare ulteriormente il centro storico anche perché stiamo parlando di un tratto che, dal punto di vista pedonale, non è stato assolutamente modificato».

Per Angelo Chessari, «occorre considerare anche le condizioni climatiche della zona che, soprattutto in inverno, è intransitabile a piedi a causa delle folate di vento gelido. Per non parlare – aggiunge – delle persone con difficoltà di deambulazione che in questo modo arrivano senza problemi a due passi dalla nuova via Roma».

Infine, Gianni Cassarino mette in rilievo che «non ha senso alcuno togliere questi parcheggi che, tra l’altro, sopperiscono ad una carenza. Non dimenticando – prosegue – che c’è anche lo spazio per il carico e scarico merci oltre agli stalli per i motocicli. Perché li dovremmo togliere?»