Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 859
RAGUSA - 11/01/2013
Attualità - Toccherà al Consorzio fare sintesi tra la proposta del comune e quella di Viale del Fante

Lingue a Ragusa? Bisogna dare 10 milioni a Catania

A conti fatti il Consorzio dovrà versare in 15 anni 9.561.000 euro da sommarsi alla rivalutazione calcolata nella misura dell’1.50% pari 838.687,00 per un totale complessivo di 10.510.502 euro da pagarsi in 30 rate semestrali di 360.350 euro
Foto CorrierediRagusa.it

La Provincia ha la proposta per chiudere la vertenza università. Il documento redatto dal dirigente Nitto Rosso ed avallato dal commissario straordinario Scarso, è stato inviato al rettore pro tempore dell’ateneo catanese, ed al Cda del Consorzio universitario ibleo.

Toccherà al CdA del Consorzio fare sintesi tra la proposta del comune capoluogo e quella della Provincia per chiudere definitivamente il contenzioso con Catania ed assicurare un futuro senza più scossoni agli studenti di Lingue. La proposta formalizzata dal commissario straordinario prevede una rateizzazione del debito contratto con Catania da estinguersi in 15 anni ed il mantenimento dei corsi di lingue fino al 2026. In seguito ai contatti avuti con il direttore generale, Lucio Maggio l’Università non richiederebbe altre somme ed accetterebbe il pagamento rateizzato del debito a titolo di parziale contributo sulle spese di funzionamento che sono certamente di gran lunga superiori.

L’Università ha invece posto due pregiudiziali; la prima è relativa alla rivalutazione della somma che va effettuata a monte e dovrà essere dell’1,50 per cento. L’altra condizione è relativa alla quota parte di tasse che l’Università si è impegnata a restituire nella misura del 70 per cento che potrà essere compensata sulle quote debitorie, da parte degli enti locali iblei, solo a partire dal 2024, ovvero per le ultime 4 rate. A conti fatti il Consorzio dovrà versare in 15 anni 9.561.000 euro da sommarsi alla rivalutazione calcolata nella misura dell’1.50% pari 838.687,00 per un totale complessivo di 10.510.502 euro da pagarsi in 30 rate semestrali di 360.350 euro. Il commissario straordinario al comune, Margherita Rizza, ha invece inviato la sua proposta al consiglio comunale, che dovrà decidere il da farsi anche alla luce della proposta formalizzata ora dalla Provincia.

(nella foto: la sede del complesso di S. Teresa ad Ibla, sede della Facoltà)