Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:44 - Lettori online 933
RAGUSA - 26/03/2008
Attualità - Ragusa - Il deputato di Mpa si è rivolto al presidente della Regione

Danni serricoli del maltempo.
Minardo: "Stato di calamità"

Agricoltura in ginocchio: chiesto anche l’intervento di La Via Foto Corrierediragusa.it

Il deputato dell’MpA, on Riccardo Minardo, ha chiesto all’attuale Presidente della Regione, Lino Leanza e all’Assessore Regionale all’Agricoltura Giovanni La Via l’immediata dichiarazione dello stato di calamità naturale per i seri danni causati dal fortissimo vento di questi giorni che ha messo in ginocchio l’agricoltura della fascia trasformata iblea.

A distanza di due giorni dal violento evento atmosferico, sottolinea Minardo, la situazione dei danni causati appare molto drammatica. Nella maggior parte dei casi la produzione agricola è stata letteralmente compromessa e molti agricoltori hanno perso l’intera produzione che aveva richiesto investimenti e lungo lavoro.

Il forte vento, inoltre, ha arrecato gravi lesioni alle piante, per cui i danni si ripercuoteranno, in molti casi, anche alle prossime annate, con un peso finanziario insostenibile per le piccole aziende agricole.

I danni all’agricoltura sono ingenti, ha ancora detto il parlamentare dell’MpA, serre e colture a pieno campo completamente azzerate distrutte dal forte vento che ha anche sradicato alberi secolari ed ha provocato ingentissimi danni a strutture e abitazioni.

Anche se sono in via di quantificazione si parla già della totale distruzione di serre e delle coltivazioni in tutta provincia.

E’ urgente, intanto, che gli uffici periferici della Regione procedano all´accertamento dei danni e alla delimitazione degli stessi e procedano alla trasmissione a Palermo della relazione di delimitazione delle aree colpite e delle zone danneggiate per la declaratoria per poi essere approvata dal Consiglio dei Ministri.

La situazione è particolarmente tragica, ha esordito Minardo, ed è sempre più preoccupante per il comparto agricolo e zootecnico visto che sono state compromesse anche le infrastrutture; per questo Minardo ha chiesto immediati interventi sottolineando che questa nuova calamità, abbattutasi nel nostro territorio, nel giro di pochi giorni ha messo sul lastrico intere famiglie già in difficoltà per la siccità viste le scarsissime precipitazioni di quest’inverno, per le gelate ed ora il vento che in colpo solo ha spazzato via mesi di duro lavoro.

Intanto dopo le difficoltà causate dal maltempo delle ultime 48 ore, sono ripresi i collegamenti marittimi tra la Sicilia e le isole minori. Riprese, seppur con qualche defezione, anche le corse degli aliscafi per le isole Egadi, dove da due giorni erano bloccati turisti e villeggianti. Ieri sera ha preso la rotta anche la nave che collega Porto Empedocle all´isola di Lampedusa. Ripristinati anche i collegamenti da Milazzo per le Eolie, con la partenza stamani di un traghetto e due aliscafi.

Dal porto di Palermo è partito anche il traghetto per Ustica, mentre l´aliscafo è ancora fermo. Situazione sbloccata anche per quanto riguarda i collegamenti tra il capoluogo siciliano e le città di Napoli e Genova. Ieri le due navi hanno preso la rotta per la Campania e la Liguria con circa due ore di ritardo, mentre stamani sono regolarmente arrivate in Sicilia quelle provenienti da Napoli e Genova.

L´on Riccardo Minardo