Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 578
RAGUSA - 30/12/2012
Attualità - Nell’ottica della rivisitazione della spesa da parte del commissario straordinario

Ente più snello: Scarso taglia 3 settori

Previsto anche l’accorpamento dei settori ambientali e un nuovo funzionagramma Foto Corrierediragusa.it

Il Commissario Straordinario della Provincia di Ragusa Giovanni Scarso (foto), proseguendo nella sua azione di rivisitazione della spesa ha emesso una direttiva al dirigente del settore ‘Affari del Personale’ per procedere alla rivisitazione della macrostruttura dell’Ente. La direttiva prevede il ‘taglio’ di tre settori amministrativi con l’accorpamento dei settori ambientali e un nuovo funzionagramma sicuramente più snello sul piano organizzativo che coniughi l’efficienza e il risparmio.

Proprio in quest’ottica sono state previste nel nuovo modello organizzativo dell’Ente, oltre ai 10 settori, soltanto tre unità operative autonome di cui una riguardante le gare d’appalto in modo da costituire all’interno in modo trasversale ai vari settori un’unica stazione appaltante. «Con questa scelta – dice il commissario Scarso – ho voluto privilegiare la snellezza burocratica e la centralità per le gare d’appalto in capo ad un unico ufficio».

Il nuovo modello organizzativo dell’Ente sarà operativo dopo il confronto con le organizzazioni sindacali e comunque non oltre il febbraio 2013.

«Sono intervenuto sul modello organizzativo dell’Ente - aggiunge Scarso – perché non c’era motivo di mantenere nella macrostruttura settori afferenti come quelli ambientali e per evitare il ricorso all’incarico ad interim per taluni dirigenti. Credo che dieci settori amministrativi possano assicurare il mantenimento di quei servizi e la stessa efficienza della macchina burocratica».