Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:21 - Lettori online 1291
RAGUSA - 25/12/2012
Attualità - L’Ufficio diocesano per la Pastorale della salute ha promosso l’incontro

Natale di solidarietà per gli ammalati del "Civile"

Il ringraziamento di fine anno, invece, sarà caratterizzato dalla santa messa solenne del 31 dicembre, prevista alle 17, con il canto del «Te Deum» di Ringraziamento

Un Santo Natale all´insegna della pura e sincera solidarietà nella cappella dell’ospedale «Civile» con fedeli, operatori sanitari e soprattutto ammalati. E’ stata un’altra tappa nel percorso sul Natale di solidarietà che l’Ufficio diocesano sta portando avanti allo scopo di assicurare un segnale di conforto a chi soffre e alle loro famiglie. «E’ Natale – ha detto don Giorgio Occhipinti nell’omelia – quando non ci lasciamo prendere dal consumismo e attribuiamo all’essenziale il reale valore, è Natale quando accogliamo la luce di Cristo.

Il Natale del 2012, poi, è molto particolare perché segnato da difficoltà economiche che ci invitano tutti ad essere più solidali con il prossimo. Gesù Bambino ha trovato posto in una grotta. Oggi, molte persone, a causa della crisi, sono costrette anche a dormire nelle auto. Ecco perché il Natale di quest’anno, più di quello degli anni scorsi, ci invita alla sobrietà e alla solidarietà. E’ il modo migliore per fare in modo che le tenebre non avvolgano il nostro cuore. Gesù Bambino è venuto a portare la speranza e la serenità nel cuore di ogni uomo. L’indifferenza è il male maggiore della società di oggi. E’ l’indifferenza quella che rischia di uccidere l’umanità. Ecco perché questo Natale deve spingerci ad andare incontro all’altro».

Il Natale di solidarietà dell’Ufficio per la Pastorale della salute continua il 29 dicembre alle 17 e il 30 dicembre alle 10, sempre nella cappella dell’ospedale Civile, con le sante messe che saranno officiate nelle giornate dedicate alla Santa famiglia di Gesù, Maria e Giuseppe. Per l’occasione, infatti, sarà impartita una speciale benedizione alle famiglie. Il ringraziamento di fine anno, invece, sarà caratterizzato dalla santa messa solenne del 31 dicembre, prevista alle 17, con il canto del «Te Deum» di Ringraziamento. Per la speciale occasione a presiedere la celebrazione sarà il nunzio apostolico in Bolivia, mons. Giombattista Di Quattro.