Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:35 - Lettori online 998
RAGUSA - 10/12/2012
Attualità - Incontro prima in Camera di Commercio e poi in Prefettura per spiegare le ragioni della protesta

Barba e capelli in piazza per la legalità

Un corteo si è formato in piazza Libertà e si è diretto in piazza Poste
Foto CorrierediRagusa.it

Barba e capelli in piazza. I parrucchieri e le estetiste della provincia si sono date appuntamento in piazza Libertà per manifestare con gli strumenti a loro disposizione il disagio della categoria per l’abusivismo dilagante nel settore. Una protesta per chiedere legalità, equità fiscale e l’applicazione in Sicilia della legge nazionale per la qualifica professionale. Il presidente provinciale dell’Unione, Maria Carmela Modica Belviglio, ed il responsabile provinciale, Antonella Caldarera, hanno guidato la delegazione e gli incontri con i rappresentanti istituzionali.

Il primo con il comandante della Guardia di Finanza, Francesco Fallica, che ha chiarito l’impegno delle forze dell’ordine nel cercare di contenere il fenomeno del lavoro nero nel settore. L’Unione Benessere e Sanità ha poi provveduto a raccogliere le licenze che sono state depositate in un contenitore. I documenti sono stati consegnati al presidente della Camera di commercio dopo che una delegazione si è portata negli uffici presidenziali dell’ente camerale (nella foto).

Quindi corteo da piazza Libertà a piazza Poste. Anche in questo caso, è stata formata una delegazione che si è recata in Prefettura per consegnare al prefetto, Annunziato Vardè, un documento contenente le rivendicazioni della categoria. Il prefetto, alla presenza del comandante Fallica, si è impegnato a dare riscontro in breve termine alle richieste provenienti dalla Cna.