Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 545
RAGUSA - 05/12/2012
Attualità - A 4 mesi dalla nomina dell’ultimo commissario, decisione improvvisa dall’assessorato

Asp 7: via Cirignotta, arriva Aliquò

Aliquò è stato ex capo segreteria dell’assessore Massimo Russo. Fli: «Cirignotta stava lavorando bene, riemerge la solita miopia di una certa classe politica». E Idv rincara la dose: "Riemerge il Gattoparto, cambia tutto per non cambiare nulla" Foto Corrierediragusa.it

Cambio di guardia all’Asp 7 di Ragusa. Salvatore Cirignotta ritorna a Palermo a dirigere l’Asp 6 del capoluogo siciliano. A Ragusa arriva l’architetto Angelo Aliquò (foto), ex capo della segreteria dell’assessore alla Sanità Massimo Russo. Cirignotta aveva sostituito Ettore Gilotta il 14 luglio scorso, dopo 4 mesi deve rientrare a Palermo. Così ha voluto la politica. Ad eccezione del Padreterno, nessun essere umano ottiene consensi all’unisono, ma i consensi positivi nei confronti di Salvatore Cirignotta in questi pochi mesi di gestione sanitaria iblea superano di gran lunga quelli negativi. Sarà prevalso il giudizio del deputato regionale Orazio Ragusa (Udc) che aveva urlato, e a questo punto ottenuto, il benservito a Cirignotta.

Secondo voci di corridoio, Cirignotta tornerebbe a Palermo per qualche altro mese, salvo rientrare alla direzione dell’Asp 7 quando il nuovo assessore regionale alla Sanità effettuerà le nomine dei nuovi direttori generali. Sembra ipotesi fantascientifica, perché le evoluzioni politiche difficilmente guardano all’indietro.

In questi 4 mesi a Ragusa, Cirignotta ha avuto il tempo di annunciare la buona notizia dell’assegnazione di un centinaio di milioni di euro alla sanità iblea per essere destinati ai Presidi territoriali di assistenza e al completamento dell’ala del monoblocco.

La prima voce politica che commenta il siluramento di Cirignotta, quella di Fli, che con il suo commissario provinciale Francesco Iemolo afferma: «Ecco riemergere la politica miope che non guarda i veri problemi della sanità ma altri interessi legati ai bisogni dei partiti».

Italia dei valori contesta la nomina di Aliquò
"Crocetta e i partiti che lo sostengono promettono rivoluzioni e praticano spartizioni e lottizzazioni. Noi li incalzeremo sui problemi, annosi, dei cittadini". Come biglietto di auguri alla Giunta Crocetta non c´è male. L´attacco è di Italia dei valori, molto critica nei confronti della scelta di mandare all´Asp di Raugusa l´architetto Aliquò.

"Crocetta - dichiara Giovanni Iacono, vice coordinatore regionale del partito- per non smentirsi conferma che in Sicilia "cambia tutto per non cambiare niente". All´Asp di Ragusa è arrivato a dirigere l´Asp, riteniamo come consulente non risultandoci che è dipendente regionale, un architetto ex sindaco di Gratteri e commissario di Enti parco ma, soprattutto, in questi anni uomo vicino a Lombardo e poi stretto collaboratore alla regione e "ideologo" della lista che doveva sostenere Massimo Russo assessore uscente alla sanità del governo Lombardo alla presidenza della regione. Conosciamo sulla base di fatti quanto grande sia la distanza in Crocetta tra le parole e il suo modo di amministrare ma speravamo nella speranza che è sempre l´ultima a morire e invece, ancora una volta, Crocetta e i partiti che lo sostengono promettono rivoluzioni e praticano spartizioni e lottizzazioni.

A ciascuno il suo e così dalle scelte assessoriali ai primi passi, alla Regione e all´Ars, assistiamo al solito valzer di uomini e donne in quota Pdl, PD, Mpa, Pid, Api, già piazzati o in pole position. Noi incalzeremo l´architetto Aliquò non per il ramo ´costruzioni´ ma per i problemi della sanità a partire dalle liste di attesa, ai precari al disegno di smantellamento della sanità pubblica".