Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 417
RAGUSA - 30/11/2012
Attualità - Il consiglio comunale è alle prese con le variazioni di bilancio

Stangata in arrivo per i ragusani

Il commissario Rizza ha prospettato l’aumento dei tributi ed i tagli

Stangata in arrivo. Il consiglio comunale è alle prese con le variazioni di bilancio e la redazione dello strumento finanziario e la prospettiva di tagli drastici ai servizi e l’adeguamento dei tributi è ormai un fatto ineluttabile. La mancata approvazione dell’aumento dello 0,2 per mille sulla seconda casa da parte del consiglio, come proposto dal commissario Margherita Rizza, avrebbe comportato un introito di sei milioni di euro che avrebbero contribuito a far restare il comune nei limiti imposti dal patto di stabilità. I cittadini pagheranno caro questo mancato passaggio perché proprio a causa del mancato rispetto del patto di stabilità lo Stato trasferirà all’ente altri sei milioni in meno del 2013 ed il pareggio di bilancio diventerà così un miraggio.

Ecco perché il commissario Rizza ha prospettato l’aumento dei tributi ed i tagli. Questi scatteranno da subito per tutte le spese non necessarie da qui alla fine dell’anno e si continuerà di questo passo per il 2013. Il prossimo anno aumenterà anche l’Imu su seconde e terze case al massimo dell’aliquota prevista ed altri tributi come Tarsu, acqua e servizi a domanda individuale. Ragusa, come ha annunciato la Rizza, non sarà più un comune virtuoso. Questo status appartiene al passato e tutti i consiglieri sono stati invitati a prenderne atto.


buon esempio
03/12/2012 | 23.13.23
carnesala

gent.ma sig.ra Rizza, cominci a tagliarsi le sue prebende. Noi ragusani, grazie all´oculata politica degli ultimi 15 anni, abbiamo già dato.Grazie anticipatamente.