Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:51 - Lettori online 1125
RAGUSA - 27/11/2012
Attualità - Contro l’abusivismo e la concorrenza sleale parte la protesta della categoria

Parrucchieri ed estetiste in piazza contro abusivismo

A conclusione della manifestazione è previsto che una delegazione di acconciatori ed estetiste incontri il prefetto di Ragusa

Consegneranno le licenze alla Camera di commercio per protestare contro la mancanza di provvedimenti efficaci nei confronti dell’abusivismo settoriale che determina gravi fenomeni di concorrenza sleale. Parrucchieri ed estetiste aderiscono allaq giornata di protesta del 10 dicembre e chiedono risposte. Il presidente provinciale Maria Carmela Modica Belviglio e il responsabile Antonella Caldarera hanno incontrato gli associati e non, prospettando loro le caratteristiche della manifestazione di lunedì 10.

Il raduno del concentramento è programmato per le 9 in via Leonardo Da Vinci, di fronte alla sede provinciale dell’Inps. A conclusione è previsto che una delegazione di acconciatori ed estetiste incontri il prefetto di Ragusa. «Ma al di là degli aspetti meramente organizzativi – afferma Caldarera – quello che, in questa fase, ci preme sottolineare è la consistenza delle adesioni perché le imprese non ce la fanno davvero più. Oltre ad essere gravate da una pressione fiscale insostenibile, non possono fare i conti pure con l’abusivismo più bieco che sta mettendo tutti in ginocchio. Il rispetto delle regole va bene ma qualcuno deve intervenire perché siano tutti a rispettarle queste regole. Altrimenti sarà un disastro economico per l’intero comparto».

Dopo Modica e Comiso, i vertici dell’Unione provinciale hanno tenuto riunioni a Ragusa, Vittoria, Scicli e Ispica raccogliendo dagli operatori sul campo ulteriori grida d’allarme anche e soprattutto rispetto ad una questione che stenta ad essere contenuta nella maniera dovuta.