Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:29 - Lettori online 1342
RAGUSA - 28/09/2007
Attualità - Ragusa - Interessate le scuole medie superiori

Parte servizio di orientamento
per gli studenti

L’assessore Giampiccolo: "grande partecipazione dei referenti" Foto Corrierediragusa.it

Sono state avviate le attività propedeutiche al servizio di orientamento per il nuovo anno scolastico. Nel corso di una riunione che si è tenuta presso l’Istituto Tecnico «E: Majorana» di Ragusa, il gruppo tecnico dell’Agenzia dei Servizi per l’Orientamento Scolastico e i referenti scolastici degli istituti medi superiori hanno cominciato a programmare e pianificare le attività e i percorsi di orientamento da attivare per il nuovo anno scolastico.

L’assessore alla Pubblica Istruzione Giuseppe Giampiccolo manifesta la sua soddisfazione per la riuscita dell’incontro considerato che vi ha preso parte il 70% dei referenti scolastici e che in sede operativa sono stati illustrati i programmi attuativi delle varie attività di orientamento, a cominciare dal progetto «Professionisti in campo» che prevede la metodologia di formazione per i referenti scolastici. La finalità di questo lavoro d’equipe è quello di aiutare gli studenti attraverso un percorso di crescita individuale ad autorientarsi e ad autovalutarsi, cioè a prendere conoscenza dei propri mezzi e delle proprie risorse per individuare in piena autonomia il proprio percorso formativo e professionale.

«Il progetto dell’Orientamento e la creazione dell’Agenzia ? afferma l’assessore Giampiccolo ? sono il frutto di un accordo tra l’Ente e l’associazione in Urbe con la finalità di promuovere nel campo dell’orientamento la ricerca e la formazione. Un progetto che ha registrato una larga partecipazione delle istituzioni scolastiche ma soprattutto degli studenti, se è vero come è vero, che al primo anno hanno partecipato solo 7 istituti e 140 alunni, mentre, nell’ultimo anno hanno aderito 30 istituti e circa 680 alunni. Un risultato di crescita che mi conforta a proseguire su questa direttiva magari accrescendo e migliorando ancora di più i percorsi formativi