Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 486
RAGUSA - 18/11/2012
Attualità - Automobilisti esterrefatti e preoccupati per il passaggio a livello che non si chiude

Sbarre alzate in via Paestum, il treno passa e va

Il presidente del Consiglio comunale, Pino Di Noia, è intervenuto ufficialmente per indurre Trenitalia a provvedere

E’ un passaggio a livello a rischio. Dal mese di agosto ad oggi ben tre volte le sbarre del passaggio a livello di via Paestum sono rimaste alzate in prossimità del passaggio del treno. L’ultimo episodio verificatosi mercoledì scorso ha fatto alzare la soglia di attenzione tanto che il presidente del Consiglio, Pino Di Noia, ha sentito il dovere di intervenire ufficialmente anche a seguito delle tante segnalazioni di cittadini preoccupati del ripetersi di queste «dimenticanze» da parte di Trenitalia.

Le sbarre sono rimaste alzate tra l’altro in un orario di punta e gli automobilisti sono rimasti senza parole ma anche preoccupati. Dice il presidente Di Noia: «Il transito del treno in quella zona non si trasformi in una sorta di roulette russa. Prevenire è meglio che curare ed ho deciso di mettere istituzionalmente in rilievo le preoccupazioni che l’intera cittadinanza sta sollevando, consapevole che l’interlocutore, in questo caso le Ferrovie, abbia tutto l’interesse a fare sì che eventi simili non debbano più ripetersi. Ci hanno assicurato che, ogni qualvolta le sbarre sono alzate, il locomotore procede a passo d’uomo e quindi non possono registrarsi problemi di alcun tipo.

Noi preferiremmo che tutto si svolgesse nella maniera più regolare possibile, senza che si registrino anomalie di alcun tipo. Devo dire che guardando le foto dell’ultimo fatto del genere sono rimasto abbastanza perplesso. Facendo una piccola ricerca, mi sono accorto che negli ultimi quattro mesi l’evento si è verificato due volte in orario serale, sempre alla presenza di un traffico molto elevato, e una volta, l’ultima, a metà mattina. Quindi c’è qualcosa che non va, di tanto in tanto, nel meccanismo che dovrebbe garantire l’automatico abbassamento delle barriere. Speriamo che i tecnici competenti possano provvedere nella maniera dovuta a risolvere la spinosa faccenda».