Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 874
RAGUSA - 09/11/2012
Attualità - Le date per le prove selettive si conosceranno il prossimo 23 novembre

Maxi concorso scuola: solo uno su 38 ce la farà in Sicilia

Solo nell’Isola sono state presentate 46mila domande

Si conosceranno il prossimo 23 novembre le date per le prove selettive del maxi concorso a cattedra nella scuola. Mercoledì è scaduto il termine di presentazione delle domande, inoltrate via web, ed i numeri sono da capogiro. Ci sono infatti 300mila domande per 11mila 542 posti in tutta Italia rispetto ai 200mila concorrenti previsti dal Ministero della Pubblica istruzione.

In Sicilia solo un candidato su 38 riuscirà a essere assunto come docente nella scuola pubblica italiana: i posti in palio sono mille 194, ma le domande arrivate sono quasi 46mila. Proprio a causa dell’elevato numero di domande il ministero ha comunicato che le prove selettive saranno svolte in più sessioni per l’insufficienza delle postazioni informatiche a disposizione. Si prevede che le prove scritte avranno inizio la settimana prima di Natale con tre giorni di prove e quattro sessioni al giorno per smaltire il numero dei concorrenti che dovranno rispondere in 50 minuti a 50 quesiti di cultura generale, il cui esito potrà essere conosciuto in tempi reali.

Poi si passerà alla prova di competenza, scritta o pratica a seconda degli indirizzi,e l’ultima di «attitudine» rispetto al rapporto con gli studenti. L’aspirante docente dovrà infatti simulare una lezione in classe. In Sicilia servono 25mila postazioni informatiche da reperire presso gli istituti del capoluogo e di altre città siciliane visto l’elevato numero di concorrenti.

La prossima settimana il ministero pubblicherà il calendario delle prove di preselezione e l´archivio dei quesiti: si tratta di circa 3mila 500 domande. La prova di selezione sarà la stessa per tutti i candidati e non terrà conto né delle classi di concorso né dell´ordine di scuola per cui si concorre.
Sotto questo profilo, le iscrizioni mostrano una distribuzione omogenea: il 26,2% delle domande riguarda posti disponibili nella scuola dell´infanzia, il 26,6% la scuola primaria, il 20% la secondaria di primo grado e il 27,2% la secondaria di secondo grado.

L’ufficio scolastico regionale è impegnato al massimo in questi giorni per curare gli aspetti organizzativi ed assicurare le migliori condizioni di svolgimento delle prove a tutti i concorrenti. Si concorre per 11mila 542 posti suddivisi in due tranche: i primi 7mila 351 saranno nominati già dal prossimo anno scolastico mentre gli altri 4mila 191 firmeranno il contratto a tempo indeterminato dal primo settembre 2014.