Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:28 - Lettori online 1173
RAGUSA - 01/11/2012
Attualità - Il presidente della pmi aveva sollevato dubbi sull’iter procedurale

Fondi ex Insicem: Botta e risposta Massari-Biscotto

La Cna: «Bando trasparente, anzi cristallino nel rispetto dell’accordo siglato da tutto il partenariato istituzionale, sociale e delle associazioni di categoria»
Foto CorrierediRagusa.it

Botta e risposta tra Roberto Biscotto, presidente delle Piccole e medi e imprese, e Giuseppe Massari (foto), presidente provinciale della Cna, sull’assegnazione dei fondi ex Insicem. Fino a quando questi benedetti fondi non saranno del tutto assegnate, le polemiche continueranno a farla da padron.

Biscotto aveva sollevato sospetti sulla trasparenza nel criteterio di assegnazione dei fondi, ma Giuseppe Massari, che oltre a essere il leader degli artigiani in provincia è anche uno dei componenti dell’organo di garanzia che ha predisposto il bando che dà la possibilità alle piccole e medie imprese di accedere ai fondi, rassicura coloro che nutrono dubbi.

«L’iter è trasparente- ribatte senza mezzi termini Massari- Anzi, trattandosi di un bando a sportello, l’iter è addirittura cristallino e si basa esclusivamente sull’ordine cronologico di presentazione delle istanze. Tra l’altro, il bando è stato pubblicato il 22 ottobre scorso e allo stesso, tra le piccole e medie imprese, si sta dando la massima pubblicità. Inoltre, è stato previsto un termine abbastanza ampio per quanto riguarda la predisposizione della documentazione. Infatti, sarà possibile presentare le istanze a partire dal 22 novembre mentre la documentazione da produrre è estremamente semplificata».

Ai dubbi di Biscotto sulla «politicizzazione» nelle procedure di assegnazione, Massari risponde che il pericolo non esiste. «Il bando non fa altro che rendere operativo l’accordo a suo tempo siglato da tutto il partenariato istituzionale, sociale e delle associazioni di categoria».