Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 926
RAGUSA - 01/11/2012
Attualità - Il commissario Rizza sospende tutte le spese, pagherà solo stipendi e mutui

No del consiglio a "stangatina" Imu

Maggioranza di sì trasversale alla bocciatura della delibera del commissario con Pd, IdV, Udc e Cantiere Popolare Foto Corrierediragusa.it

Il consiglio comunale (nella foto una fase della seduta) dice no all’aumento dell’Imu ed il commissario sospende tutte le spese. Pagherà solo rate dei mutui e stipendi. Saltano tutti gli altri impegni perché il commissario straordinario Margherita Rizza garantirà solo le spese obbligatorie. E’ la risposta dura del commissario alla decisione del consiglio di bocciare con 11 voti, 9 i voti favorevoli, l’aumento dell’aliquota proposto dalla Rizza passando dallo 0,76 allo 0,96 per la seconda casa, fabbricati ed aree fabbricabili, per far fronte alla mancanza di fondi ed ai tagli da parte di Stato e Regione.

Il voto contrario è stato trasversale ed h risentito anche degli ultimi accadimenti elettorali. I no sono venuti da Calabrese e Lauretta del Pd, Martorana e Peppe Tumino dell´IdV, Angelica e Morando, Udc, Mirabella, Di Mauro, Licitra, D´Aragona, Malfa di Cantiere Popolare mentre i 9 no sono stati espressi La Rosa e Firrincieli del Gruppo misto, Lo Destro di Mpa, Galfo, Distefano, Chiavola, Occhipinti, Occhipinti, Cintolo, Di Noia ddelle lisste legate all´ex sindaco Dipasquale.

La decisione del commissario non mancherà di suscitare polemiche e contrapposizioni e la risicata maggioranza con cui è stato detto no all’aumento testimonia il disagio dei consiglieri. Gli undici consiglieri che hanno detto no all’aumento non sono stati convinti dalla relazione del dirigente del settore finanza che raccomanda il rispetto del patto di stabilità imponendo aumenti delle misure tributarie. Con il no all´aumento dell?IMU l´ente dovrà dire no a sei milioni di introiti ma dovrà recupearre in qualche modo questa somma per non rischiare di compromettere il patto di stabilità.

Il taglio dei trasferimenti statali sarà di due milioni e mezzo ed a questo si aggiunge il mancato introito della addizionale comunale Enel che la Regione doveva versare e non verserà per un ammontare di un milione. Se il comune non è ancora in una fase critica ci sono dunque problemi per il rispetto del piano di stabilità e l’aumento dell’Imu andava in questa direzione. Ora bisognerà rifare i conti e la Rizza ha già fatto la prima mossa.


Vergognati Nello
01/11/2012 | 14.28.20
Gianni

L´aumento dell´IMU è stato l´ultimo regalo di Dipasquale o ci sarà altro? I cittadini dovrebbero essere indignati per il fatto che il previsto aumento IMU proposto da Dipasquale & C. è stato tenuto nascosto fino a dopo le elezioni. Un´ennesima prova dell´arroganza di tale persona. Si vergogni.