Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:28 - Lettori online 1413
RAGUSA - 23/10/2012
Attualità - L’azienda regionale non ha soldi, bandita una gara per affidare il servizio ai privati

Ast non assicura servizio bus per i cimiteri

A Marina di Ragusa i cittadini dovranno provvedere con mezzi privati, ad Ibla assicurata la navetta ma in città si dovrà provvedere con il servizio privato Foto Corrierediragusa.it

Sarà difficile raggiungere i tre cimiteri della città in occasione della festività dei defunti. Sono iniziati da qualche giorno i lavori di pulizia straordinaria programmati per accogliere al meglio i tanti visitatori ma incombe il pericolo della mancanza di collegamenti con gli autobus da e per la città.

L’Ast è infatti alle prese con una grave crisi ed ha già messo le mano avanti comunicando che non potere garantire il servizio per tutti e tre i cimiteri come avvenuto negli anni passati. L’azienda ha assicurato solo il collegamento tra il centro città ed il cimitero di contrada Rito ad Ibla (nella foto). Alla luce di quanto emerso il commissario straordinario, Margherita Rizza, ha dato mandato al dirigente della Polizia municipale di predisporre una gara informale per affidare il servizio.

Garantire il collegamento soprattutto con il cimitero entrale è essenziale per evitare ingorghi e disagi alla luce dell’alta affluenza. Le ditte private comunicheranno i loro preventivi al dirigente che poi deciderà di conseguenza anche consultandosi con il commissario.

Per quanto riguarda Marina di Ragusa non ci saranno alternative al mezzo privato perché nelle casse comunali no ci sono soldi a sufficienza. Per gli anziani soprattutto e quanti sono sprovvisti di macchina sarà un piccolo problema da risolvere.


vergogna...
25/10/2012 | 10.09.28
gd4

che quadro sconsolante... un sindaco che abbandona la città, lasciandola senza soldi, per andare ad inseguire una poltrona alla regione! la storia si ripete a Ragusa, così come pochi anni fa a Modica: speriamo almento che il finale sia uguale...!