Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 609
RAGUSA - 14/03/2008
Attualità - Ragusa - La riqualificazione della zona lascia a desiderare

La nuova Camperia non piace nè ai ragusani, nè a Montalbano

Anche gli attori della popolare fiction hanno detto la loro Foto Corrierediragusa.it

Venerdì pomeriggio, Marina di Ragusa. Il clima sembra davvero far presagire l’arrivo di una calda primavera. Ci sono tanti turisti che, affascinati dal mare, non disdegnano di stare a piedi nudi sulla spiaggia sottostante alla ormai inesistente Camperia. Ci sono anche alcuni dei protagonisti delle nuove puntate del commissario Montalbano. E ci sono anche molti ragusani e residenti della frazione. Davanti allo spazio ormai vuoto della camperia, è possibile annotare alcuni commenti.

Il signor Ignazio, vecchio lupo di mare, Turi, anziano pensionato che ha deciso di trasferirsi nella località balneare, proprio per il clima sempre mite. Ed anche meno anziani che abitualmente il venerdì pomeriggio scendono « e mazzareddi», per prendere un gelato al bar della piazza. Un argomento in comune: la nuova piazzetta realizzata al posto dell’antica Camperia. Sostengono che se proprio si doveva eliminare dall’immaginario collettivo quell’antico immobile, segno di un tempo che non c’è più, si poteva realizzare una piazzetta quantomeno più decorosa. Enormi vasi in pessima plastica usati a mò di recinzione di uno spiazzo in cemento, con tre vecchie e fatiscenti panchine in legno e ferro già consumato.

Muri diroccati che perimetravano l’antica struttura, lasciati così, come una Gerusalemme liberata. Un quadro squallido a sentire queste persone, che tra l’altro, sminuisce tutto il contesto del lungomare di Marina di Ragusa. Tanto strepito per nulla insomma. Tante polemiche, per partorire un topolino neanche tanto bello. E dire che la sovrintendenza ai beni culturali ed ambientali,approva solo progetti di un certo valore architettonico e ben inseriti nell’ambiente!