Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:40 - Lettori online 1207
RAGUSA - 15/10/2012
Attualità - La bambina ha bisogno di assistenza continua, ora negata a causa della crisi

L´appello della mamma di Simona, senza assistenza

Simona è affetta dalla Sindrome di Rett, una malattia rara che nel suo caso comporta pure l’autolesionismo per cui ha bisogno di assistenza continua con un rapporto di uno ad uno

"Sono la mamma di Simona, una ragazza diversamente abile con non pochi problemi. Da quest’anno, per i tagli causati dalla «spending-review» della provincia di Ragusa (almeno così mi è stato detto), a Simona che frequenta il terzo anno dell’Istituto Magistrale di Ragusa sono state tolte parecchie ore di assistenza
specialistica scolastica".

Inizia così il disperato appello di una mamma che scrive alla nostra redazione per segnalare i disagi che lei e la figlia, con tutta la famiglia, si trovano a vivere. Simona è affetta dalla Sindrome di Rett, una malattia rara che nel suo caso comporta pure l’autolesionismo per cui ha bisogno di assistenza continua con un rapporto di uno ad uno.

«Inizialmente – spiega la madre – in provincia mi avevano dato solo 2 ore di assistenza al giorno contro le 5 dello scorso anno dicendomi che alle altre 3 ore doveva pensare la scuola con le figure dei bidelli: è ovvio che i bidelli non possono sopperire alla mancanza di un’assistente specializzata innanzitutto perchè non hanno questa professionalità e poi perchè non si possono dedicare esclusivamente a lei, per cui alla scadenza delle due ore Simona deve necessariamente essere presa e portata via; dopo varie insistenze ho ottenuto le 3 ore che comunque sono sempre poche e non mi permettono di andare a lavorare con serenità. Ho chiesto aiuto a tanti, ma dopo tante promesse non ho ancora avuto niente di concreto: non chiedo niente di più che i diritti che spettano ad una ragazza diversamente abile e cioè che sia garantito il diritto allo studio come qualsiasi altro ragazzo.

Mi rivolgo a voi nella speranza che il caso di mia figlia non venga dimenticato e quindi anche che voi vi facciate portavoce del caso mio e di mia figlia. Vi ringrazio comunque per qualsiasi cosa farete per aiutare Simona".