Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 560
RAGUSA - 13/10/2012
Attualità - Numerosi interventi di Vigili del Fuoco e Protezione civile

Due trombe marine a Cirica e Arizza, serre distrutte

Pali Enel divelti, allagamenti, alberi caduti hanno reso difficile la circolazione Foto Corrierediragusa.it

Due trombe marine hanno devastato in contemporanea le serre in altrettante, diverse zone del litorale ibleo: Cirica, nell’Ispicese, e contrada Arizza, nello Sciclitano. L’inferno si è scatenato alle 17 di ieri, quando in provincia tuoni, lampi e pioggia hanno oscurato il cielo, facendo temere il peggio.

L’acquazzone ha causato lievi disagi nei vari comuni, mentre i danni maggiori sono stati determinati dalla due trombe marine, fonte altresì di apprensione per residenti ed automobilisti, che, per loro fortuna, se la sono cavata indenni. Non altrettanto gli alberi, che sono stati letteralmente sradicati dal suolo, invadendo le sedi stradali, in quel momento deserte proprio a causa del maltempo.

Decine di serre sono invece state scoperchiate, con danni ancora da quantificare per le strutture e il raccolto. I vigili del fuoco sono stati impegnati fino a tarda sera per sgomberare le strade dai detriti, dagli alberi e dalle coperture di plastica delle serre, accertando che l’intensità delle due trombe marine è stata comunque limitata, perché altrimenti i danni si sarebbero potuti rivelare ben maggiori.

Le due trombe marine hanno infuriato tra Cirica e contrada Arizza per un buon quarto d’ora, impegnando i pompieri del comando provinciale e dei distaccamenti, i quali hanno altresì soccorso qualche automobilista in difficoltà a causa di alcune strade interrotte.

Numerosi gli allagamenti nelle case di residenza estiva. Nella zona sono intervenuti i Vigili del fuoco di Modica per ripristinare soprattutto condizioni normali di viabilità. Altro epicentro del maltempo la fascia costiera sciclitana tra Cava D’Aliga e Donnalucata; anche qui il vento ha soffiato forte ed la pioggia battente ha indotto molti automobilisti a cercare riparo. Alberi e pali abbattuti, interruzione di elettricità e nelle linee telefoniche sono stati gli effetti del maltempo che ha avuto particolare intensità per almeno un’ora ma si è protratto per tutta la serata.

A Scicli è stata allertata anche la Protezione civile comunale che ha fatto da supporto ai Vigili del fuoco. Pioggia e vento anche a Modica con richieste di intervento per rimuovere qualche albero caduto sulla carreggiata e mettere in sicurezza qualche cartellone pubblicitario.

Anche il capoluogo è stato interessato dalla forte pioggia che ha dato una connotazione invernale al pomeriggio ed alla serata dopo un lungo periodo di temperature e condizioni meteo estive.