Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 1016
RAGUSA - 12/10/2012
Attualità - Difficile anche la situazione con l’Ato, ci sono quasi due milioni da pagare

A Ragusa un milione 200mila euro di debiti fuori bilancio

Dovendo onorare i debiti se ne andrà in fumo oltre la metà dell’avanzo di amministrazione

A palazzo dell’Aquila i debiti fuori bilancio ammontano ad un milione 200 mila euro. Il commissario straordinario, Margherita Rizza, ha fatto un po’ di conti ed ha deciso, supportata dal dirigente di Ragioneria, Cettina Pagotto, che i debiti saranno ripianati ricorrendo ai due milioni 250 mila euro di avanzo di amministrazione. I debiti fuori bilancio sono stati determinati da risarcimenti vari che l’ente ha dovuto onorare. Molti i risarcimenti dovuti per danni derivanti ai cittadini da incidenti automobilistici ma soprattutto sono le cause di lavoro intentate dal personale in servizio al comune per il riconoscimento delle mansioni superiori. Consequenziale la condanna a pagare la differenza retributiva ed i maggiori oneri previdenziali. Solo nel caso di un dipendente si parla di circa 40 mila euro.

Fuori controllo è andato anche il costo per il servizio di igiene ambientale. Il comune ha dovuto pagare quasi 150 mila euro per l’adeguamento contrattuale per il servizio svolto dalla Busso. Il conferimento in discarica è costato 320 mila euro in più ed all’Ato ambiente devono essere versati altri 65 mila euro. Quasi 200 mila euro devono essere riconosciuti a professionisti a saldo delle loro prestazioni ed alcune indennità di esproprio, come la ditta Cascone Veli per 110 mila euro.

E parlando di debiti il commissario si è ritrovato tra le mani la sostanziosa parcella presentata dall’Ato al comune; sono un milione 961 mila euro per coprire le spese del conferimento, smaltimento e trasporto in discarica dei rifiuti solidi urbani. Il commissario proporrà un ricorso contro l’Ato ma solo perché la differenza tra quanto richiesto e quanto dovuto, a parere del funzionario, è 100 mila euro in meno.