Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 480
RAGUSA - 08/10/2012
Attualità - Per l’occasione Mons. Paolo Urso ha ordinato Don Giovanni Piccione

Festeggiati i 50 anni di sacerdozio del Vescovo di Ragusa

Il vicario diocesano, Don Salvatore Puglisi, ha letto il messaggio augurale del Papa, Benedetto 16mo, in occasione della ricorrenza Foto Corrierediragusa.it

Una giornata speciale per la diocesi. E’ stata festa per la comunità cristiana per la ricorrenza dei 50 anni di sacerdozio del Vescovo Paolo Urso (foto) e per l’ordinazione di un nuovo presbitero. Nella cattedrale di S. Giovanni affollata di fedeli si è tenuta la cerimonia alla presenza del clero della diocesi, delle comunità parrocchiali ed in particolare di Acate, Comiso e Vittoria, città di provenienza di Don Giovanni Piccione, 27 anni, che il vescovo, Mons. Paolo Urso, ha ordinato sacerdote.

Don Piccione, diacono dal maggio del 2011, entrato in seminario nel 2005, ha svolto la sua missione prima ad Acate, poi presso la parrocchia della Nunziata a Comiso e a S. Antonio, sempre nella città casmenea, dove è tuttora impegnato in attesa della sua nuova destinazione. Sentite le parole del vescovo a nome di tutta la comunità »La chiamata al sacerdozio è opera esclusiva del Signore che sceglie. Essere il suo strumento per comunicare è un dono che io stesso ho ricevuto ed è per me motivo di grande gioia».

Il vescovo ha infatti ricordato i suoi 50 anni di sacerdozio facendo riferimento agli anni in cui ha insegnato ai giovani e poi all’università. Significativa, nelle parole del vescovo, l’esperienza nell’istituto Don Gnocchi a Roma, dove ha conosciuto il mondo dei giovani affetti dalla poliomelite. Anni formativi che sono stati succeduti da numerosi viaggi in Africa dove Mons. Urso ha potuto toccare con mano la grande dignità del cristiano acculando una grande ricchezza spirituale.

Il vicario diocesano, Don Salvatore Puglisi, ha letto il messaggio augurale del Papa, Benedetto 16mo, in occasione della ricorrenza. Il vescovo nel corso dell’omelia ha fatto riferimento al piano pastorale della diocesi che evidenzia il ruolo del prete che si fa «riferimento per la comunità in coerenza con la vocazione e la missione che gli è stata affidata».