Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:47 - Lettori online 1044
RAGUSA - 21/09/2012
Attualità - Riunione in Prefettura, presa di posizione del sindacato Agenzie di viaggio

Presidente Sac conferma la volontà di aprire Comiso

Non si è discusso tuttavia della convenzione da sottoscrivere con Enac che sarà oggetto di confronto in un prossimo incontro

La questione aeroporto ritorna in Prefettura. E’ stato il prefetto Giovanna Cagliostro a convocare una riunione di carattere tecnico con il Presidente della SAC, Giuseppe Giannone, l’ad Nico Torrisi, e tutti i rappresentanti di enti ed istituzioni che sono direttamente interessati alla apertura dello scalo comisano.

La riunione è servita a fare il punto della situazione e ad esaminare gli adempimenti, tecnici e burocratici, già completati e quelli in corso di attuazione per velocizzare l’apertura dello scalo ibleo.

Sull’argomento hanno relazionato il sindaco Alfano ed il presidente Dibennardo che hanno confermato che il crono programma è in fase avanzata. Il presidente della Sac ed il suo amministratore delegato hanno confermato la massima disponibilità della SAC a seguire da vicino gli ultimi passaggi propedeutici all’apertura dello scalo.

Sulla questione ha preso posizione anche il sindacato provinciale delle Agenzie di viaggio il cui presidente, Roberto Criscione, dice: "E’ mai possibile che una aerostazione, completa di tutto, non riesca a decollare? Ieri per colpa dell’ Enac, oggi per colpa dell’Enav e domani a chi daremo la colpa? Ai controllori di volo, ai vigili del fuoco? Verrebbe davvero da chiedersi, senza fare vittimismo o catastrofismo, cosa c´è sotto e quali interessi ci siano per intralciare l´apertura di Comiso.

La chiusura, prevista da tempo, dell’aeroporto di Catania Fontanarossa, potrebbe essere l’occasione adatta a valorizzare l’aeroporto Vincenzo Magliocco che permetterebbe, oltre all’atterraggio dei voli di linea, anche quello degli aerei cargo necessari per il trasporto dei prodotti agricoli che rappresentano una voce importante nella nostra economia».

Criscione è fiducioso grazie al nuovo cda della Sac: «Con il nuovo presidente della Sac, Peppino Giannone, uno di noi, uno del nostro territorio, con il nuovo Cda della Società Aeroporto Catania, e con il presidente della Soaco Rosario Dibennardo, possiamo sperare, tutti insieme, non dimenticando le istituzioni e i rappresentanti delle varie categorie, di superare gli ostacoli che causano il ritardo di questa apertura. Come sindacato delle Agenzie di viaggio non vediamo l’ora che ciò accada. E noi daremo, fino in fondo, il contributo necessario per riuscire a conquistare un risultato dalla portata storica per la nostra area provinciale».