Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:40 - Lettori online 1501
RAGUSA - 18/09/2012
Attualità - Il commissario Scarso corre a Roma per incontrare l’Anas. Firrincieli: "Io l’avevo detto"

Rg - Ct: il progetto dovrà essere ridimensionato

Il costo del denaro più alto ha indotto il consorzio di imprese che si è aggiudicato l’opera ad una riflessioneo. Preoccupazione tra i sindacati
Foto CorrierediRagusa.it

Giovanni Scarso sarà a Roma giovedì per incontrare i vertici dell´Anas e capire cosa vuole fare il Consorzio di imprese che si è aggiudicato l´appalto per la Ragusa Catania. Sulla questione il consigliere comunale di Ragusa Giorgio Firrincieli, che aveva lanciato l´allarme sulle lungaggini del consorzio di imprese, dice: "E’ una consolazione a metà il fatto che il mio allarme fosse fondato. Essere riuscito a fungere da pungolo nei confronti dei rappresentanti istituzionali, a cominciare dal commissario straordinario della Provincia, Giovanni Scarso, mi conforta riguardo alla circostanza di avere visto grosse nubi addensarsi sul futuro della Ragusa-Catania. L´incontro del commissario Scarso a Roma potrà effettivamente dirci se tutto ciò che temiamo sia soltanto una grossa bolla di sapone oppure se, come la maggior parte di noi ritiene, anche su questa infrastruttura bisognerà calare un velo pietoso, così come sta succedendo per l’aeroporto di Comiso o per l’autostrada Siracusa-Ragusa-Gela, con riferimento al completamento dei lotti da Rosolini a Modica".


La vicenda
Doveva essere una riunione di routine o quasi. E’ invece scattato l’allarme al tavolo del Comitato ristretto per la Ragusa Catania (nella foto), presieduto dal commissario straordinario della Provincia, Giovanni Scarso.

Nel corso dei lavori, grazie anche ad una telefonata al presidente dell’Anas, Settimio Nucci, è venuto fuori che il consorzio di imprese, capeggiato dal gruppo Bonsignore, ha qualche ripensamento per l’avvio dei lavori. Il progetto di finanza non è in gioco, anche perché c’è una convenzione a suo tempo firmata per l’ammodernamento dei 68 km della nuova Ragusa Catania, quanto la concreta capacità del consorzio di avviare i lavori. Secondo voci sindacali, confermate da Giorgio Bandiera, Uil, e Giovanni Avola, Cgil, il consorzio di imprese sta valutando la revisione l’importo iniziale dell’opera, che ammonta a 875 milioni di euro.

La somma non sarebbe infatti più congrua perché il più alto costo del denaro che il consorzio dovrebbe prendere in prestito dalle banche finanziatici ha oggi un tasso di interesse più alto e fa scendere dunque al minimo i margini di profitto dell’opera. Le imprese stanno dunque studiando come rientrare nei costi, ritoccando qui e lì il progetto. Due gruppi di lavoro, uno tecnico, ed uno finanziario, sono dunque impegnati a far quadrare i conti per consentire che un’opera attesa e per la quale sono state fatte battaglie a tutti i livelli da otto anni a questa parte possa essere realizzato.

Il consorzio di imprese ha anche dovuto valutare, anche se questa realtà era già stata messa in conto, che il completamento del tratto autostradale da Rosolini a Modica della Siracusa Gela, toglierà traffico alla Ragusa Catania, che sarà una superstrada a pagamento, e molti utenti della strada potrebbero essere indotti a percorrere l’autostrada, almeno fino a quando la Siracusa Gela sarà gratuita facendo così scendere i profitti. L’allarme c’è e le indiscrezioni si rincorrono. Il dato positivo al momento è che l’Anas, partner del progetto di finanza, è intenzionata ad andare avanti ed ha escluso ogni ostacolo tecnico.

Quello che sembra invece emergere dal lato strettamente finanziario, causato in modo particolare dalla crisi in cui si dibattono tutte le imprese per la lievitazione dei costi dell’opera e del denaro.


autostrada SR-GELA
20/09/2012 | 0.38.22
anonimo

Signori amministratori locali – anche voi tenuti – e politici del ragusano e nisseno, in partiolare del versante gelese (Gela, Niscemi, Butera, Mazzarino etc.), compresi ovviamente i siracusani, dove siete? Perchè non state ormai col fiato sul collo ai signori del CAS affinchè si sbrighino per la gara d’appalto della SR-GELA e senza storie, a costo di mandare qualche eventuale neghittoso a casa, o comunque sanzionarlo a dovere nel caso di scarsa diligenza negli atti d’ufficio? Certi precedenti in quell’ambiente piuttosto inquietano! Quindi, subito allerta e al lavoro! Vigilianza massima sulle somme destinate all’importantissima arteria, sicuro strumento di sviluppo e benessere in tutti i sensi per le nostre popolazioni del profondo Sud! Altrimenti si corra ai ripari – che sono gli unici – DURE SANZIONI, come nei civilissimi Paesi nordici!


la colpa e´ nostra!
18/09/2012 | 18.21.25
paolo

Per come la penso io la colpa e´ nostra perche ci siamo messi nelle mani di quattro politici da strapazzo, gente che pur di avere voti a promesso mare e monti!!! Per noi viaggiare in sicurezza dovrebbe essere un diritto, invece per altri e solo business...il primo politico che mi viene ha parlare della ragusa/catania lo prendo a calci in cxxo!!!


Sarebbe ora di dire basta
18/09/2012 | 18.08.21
carmelo

E´ veramente vergognoso quello che sta accadendo.
Siamo tagliati fuori da tutte le altre realtà.
In quanto ai politici, mi chiedevi ma chi li ha votati dando la maggiornaza assoluta al centrodestra questi nostri politici.
Vuoi vedere che si sono eletti da soli?!


tanto siamo babbi
18/09/2012 | 16.14.33
tano

te pareva ke nn sarebbero sorti dei problemi anke x la realizzazione di questa strada...
l´aeroporto nn lo aprono, il porto di pozzallo invece di rilanciarlo tra 1 po mi sa ke lo kiudono, la ferrovia è praticamente morta...
ma si dai, l´importante ke ai babbi ragusani gli diciamo 4 fesserie durante il periodo elettorale ke tanto quelli li votano lo stesso
KE SKIFO
ma se nn ci volete in italia e in sicilia ditelo pure, facciamo 1 referendum e togliamo il disturbo!!!


Ci crediamo ancora ?
18/09/2012 | 16.09.48
Il Criticone

Poco fa leggevo che c´è la gara tra ferrovie dello stato ed la nuova società privata ferroviaria a chi copre il tragitto Milano-Roma in meno di 2 ore e 20 minuti. Ma noi della provincia di Ragusa, che per andare con il treno dal nostro capoluogo a Siracusa impieghiamo 4 ore e 30 minuti, ci crediamo ancora alle balle che ci propinano i nostri politici e i signori dell´Anas ? Pensate che per fare 30 km. di autostrada da Siracusa a Rosolini, hanno impiegato 30 anni.