Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 716
RAGUSA - 14/09/2012
Attualità - La Prefettura di Ragusa spiega le modalità per mettere in regola i lavoratori subordinati

Stranieri irregolari, come registrarsi via internet

Dal 15 settembre al 15 ottobre, registrazione online utilizzando il sito www.interno.gov.it . Cosa devono fare datori lavoro e immigrati senza soggiorno e occupati in tutti i settori
Foto CorrierediRagusa.it

La Prefettura di Ragusa con una nota ufficiale, che riportiamo integralmente, spiega le modalità di registrazione sull’apposita pagina wb disponibile. «I datori di lavoro italiani o stranieri in possesso del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo che al 9 agosto 2012, data di entrata in vigore del decreto legislativo 16 luglio 2012 n.109, occupano irregolarmente da almeno tre mesi e continuano ad occupare alla data di presentazione della dichiarazione di emersione lavoratori stranieri presenti sul territorio nazionale ininterrottamente almeno dalla data del 31 dicembre 2011 o precedentemente, possono dichiarare la sussistenza del rapporto di lavoro allo Sportello Unico per l’Immigrazione.

Le fasi della procedura e le modalità di compilazione dei moduli appositamente predisposti per la presentazione della dichiarazione di emersione sono indicate nel «Manuale dell’utilizzo del sistema» pubblicato a cura del Ministero dell’Interno all’indirizzo sopraindicato www.interno.gov.it alla sezione «immigrazione» ed ai links correlati.

Con decreto interministeriale del 29 agosto scorso, pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 7 settembre 2012, sono state indicate le modalità di presentazione della dichiarazione di emersione del rapporto di lavoro, le modalità per la regolarizzazione delle somme dovute dal datore di lavoro a titolo retributivo, contributivo e fiscale nonché la fissazione dei limiti di reddito del datore di lavoro richiesti per l’emersione del rapporto di lavoro.

E’ importante chiarire che non ci sono quote massime di ammissione né graduatorie; non sarà necessario, pertanto, concentrare la presentazione delle domande nella fase iniziale della procedura, ma piuttosto sarà meglio avere ben chiari i requisiti richiesti e le procedure.

La Prefettura unitamente all’Ufficio Provinciale del Lavoro ha convocato per giorno 18 settembre prossimo una riunione operativa tra gli Uffici istituzionalmente coinvolti nella procedura (Questura –Agenzia delle Entrate - INPS – INAIL – Ispettorato del Lavoro) per un confronto congiunto sulle procedure operative, ed un successivo incontro con i potenziali utenti (patronati, associazioni, consulenti del lavoro, commercialisti, avvocati), al fine di fornire agli stessi maggiori chiarimenti ed analizzare ex ante eventuali elementi di criticità che dovessero profilarsi".

La Prefettura e l’Ufficio Provinciale del Lavoro – Sportello Unico Immigrazione assicurano ogni necessaria assistenza al riguardo ricevimento: LUN-MER-VEN 09,00 – 12,30

Responsabile procedimento Prefettura:
Michele Bongiovanni – Prefettura I Piano – 0932 673771 - michele.bongiovanni@interno.it;
Responsabile procedimento Ufficio Provinciale del Lavoro:
Stefania Garofalo – Via San Giuseppe – 0932 673775.