Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:29 - Lettori online 1072
RAGUSA - 13/09/2012
Attualità - Il seminario si tiene venerdì dalle 8.30 al Centro direzionale Asi

Il radon, questo sconosciuto. Geologi a convegno

Relazioneranno docenti universitari ed esperti di fama nazionale

Docenti universitari ed esperti del settore di fama nazionale relazionano oggi su «Il radon nei fabbricati». Questo l’argomento del seminario formativo promosso dall’Associazione geologi liberi professionisti della provincia di Ragusa.

Sotto i riflettori cause, rischi e rimedi riguardanti un pericolo strisciante, un gas radioattivo incolore e inodore. L’appuntamento si terrà al Centro direzione del Consorzio Asi, alla zona industriale del capoluogo. I lavori, che saranno aperti dal presidente di Ageo.Rg Pietro Spadaro, vedranno inizialmente l’intervento di Carmela Vaccaro, docente del Dipartimento di Scienze della terra dell’Università di Ferrara, che si occuperà degli «Aspetti geologici, origine e diffusione del radon – materiali da costruzione».

Quindi, il biologo Carlo Grandi, esperto in valutazione e gestione rischi da radiazione, entrerà nello specifico degli «Effetti sulla salute e stima del rischio». Di illustrare i contenuti del Piano italiano radon e della normativa nazionale e internazionale si occuperà, invece, Francesco Bochicchio dell’Istituto superiore della Sanità di Roma, dipartimento Tecnologia e salute. Dopo la pausa pranzo, il seminario riprenderà alle 15 con Giuliano Sciocchetti di Technoradon Srl che si soffermerà sui metodi e le tecniche di monitoraggio.

Antonio Conti dell’Arpa Sicilia chiarirà i dettagli sul Piano radon in Sicilia mentre Rosario Mineo, del settore Geologia e geognostica della Provincia regionale di Ragusa, affronterà le questioni riguardanti il «Radon negli iblei, caso di studio e risultati misure».

Infine, Giovanni Zannoni, docente del Dipartimento di architettura dell’Università di Ferrara, chiarirà quali le soluzioni, ponendo l’accento sugli interventi edilizi di bonifica e difesa.