Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:42 - Lettori online 1138
RAGUSA - 12/09/2012
Attualità - Il tribunale amministrativo dovrebbe pronunciarsi entro la fine del mese

Ricorso al Tar per riattivazione del corso di Lingue

L’iniziativa del Cda del Consorzio Universitario Ibleo contestata da IdV

Il Consorzio universitario ibleo ha presentato ricorso al Tar di Catania per la mancata attivazione del primo anno di corso di Mediazione linguistica ad Ibla. L’università di Catania non ha infatti inserito il corso nel manifesto degli studi di quest’anno accademico di fatto cancellando la possibilità di seguire le lezioni nella sede di Ibla.

Il ricorso tende alla sospensiva del provvedimento ed un congruo risarcimento danni per tutti i disagi che studenti e famiglie subiranno dalla cancellazione di Mediazione linguistica. Tre i punti sostanziali su cui si basa il ricorso; la mancata legittimazione da parte del senato accademico perché assunta con un quorum inferiore a quello previsto per legge. Eccepito anche il mancato rispetto della convenzione firmata dal rettore e dal presidente del Consorzio firmata nel giugno di due anni fa che istituisce Mediazione linguistica ad Ibla.

Il Consorzio ritiene che il mancato pagamento degli oneri previsti a suo carico avrebbe potuto essere risolto con l’imposizione con il pagamento ulteriori di interressi di mora sulle somme dovute. Il Consorzio inoltre rileva che il pagamento del corso che avrebbe dovuto iniziare ad ottobre era dovuto solo a fine settembre ed in questo senso il Consorzio aveva programmato.

La decisione del Tar è attesa entro la fine del mese ed alla sospensiva sono legate le residue speranze di ripristinare il corso di studi ad Ibla anche se gli studenti, alla luce delle incertezze legate al profondo contrasto tra rettore e Consorzio, hanno preso altre strade abbandonando l’idea di frequentare ad Ibla.

Sulla decisione del presidente Enzo Di Raimondo e del Cda del consorzio di presentare ricorso al Tar si è scagliato Paolo Pavia, responsabile per l’Università di IdV, che mette sotto accusa il Cda per non avere rispettato gli impegni imposti dalla convenzione. Per Pavia il ricorso al Tar equivale ad «un vero e proprio 11 settembre per l’università a Ragusa».