Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 827
RAGUSA - 11/09/2012
Attualità - L’elezione del presidente della Sac ha scatenato la bagarre in seno all’ente camerale

Presidente Camcom contestato: "Dimettiti". Sostegno dei "delusi"

Sandro Gambuzza da parte sua parla di dialettica serrata e dice di volere cercare il dialogo
Foto CorrierediRagusa.it

L’elezione di Giuseppe Giannone alla presidenza della Sac sconquassa la Camera di Commercio (nella foto la sede di piazza Libertà). Senza giri di parole Giovanni Brancati, segretario Cna, invita il presidente Sandro Gambuzza a togliere l’incomodo. Lo testimonia la lettera che dodici dissidenti, critici dell’operato del presidente Gambuzza, hanno sottoscritto ritirandogli di fatto la fiducia.

Dice Giovanni Brancati: «La sfiducia non è sanabile. Il presidente può anche proseguire il suo mandato perché non ci sono le condizioni per formalizzare la mozione di sfiducia ma sappia che non ha più la fiducia della maggioranza del consiglio camerale che lo invita, pertanto, alle dimissioni». Un attacco frontale a Sandro Gambuzza, che per il momento abbozza e dice di volere trovare un punto di equilibrio e di volere l’unità del consiglio. La frattura tuttavia è ormai netta e potrebbe sfociare nelle dimissioni a poco più di due anni dall’elezione del nuovo presidente Gambuzza. I dodici dissidenti del consiglio camerale contestano a Gambuzza il metodo seguito nell’elezione di Giuseppe Giannone a presidente della Sac.

«Non entriamo nel merito della persona e dell’elezione – precisa Brancati – Non ci è piaciuta la mancanza di concertazione tra consiglio camerale e presidente. Gambuzza ha seguito una sua linea senza consultarsi con nessuno nonostante lo avessimo sollecitato più volte». Il segretario provinciale Cna e gli altri sottoscrittori della lettera a Gambuzza contestano inoltre che l’accordo stretto con il fronte catanese, di marca strettamente «lombardiana», potrebbe mettere Ragusa in una condizione di subalternità rompendo così il tradizionale asse con Siracusa.

Il caso Sac ha fatto esplodere un malessere latente per la gestione di Sandro Gambuzza alla guida dell’ente camerale. Al presidente vengono contestate iniziative personali oltre ad una certa latitanza su questioni importanti. Sandro Gambuzza da parte sua è sereno: «I fatti parlano chiaro; c’è per la prima volta un presidente della Sac espressione del territorio ibleo e questo è quello che conta. Tutto il resto sono solo chiacchiere».

Un gruppo che si definisce « I delusi» contesta invece il comportamento di Cna, Coldiretti, Industria e Lega delle Cooperative , tra gli altri, che hanno messo sul banco degli imputati il presidente Gambuzza.

«Questo può accadere solo nel nostro territorio - scrivono i «delusi» - grazie a soggetti che guardano solo il loro interesse, e non quello della propria Provincia, dove tutte le imprese sono in ginocchio, ed hanno bisogno di nuove sinergie per cercare di uscirne non bastonate. E la Camera di Commercio di Ragusa, che dovrebbe essere a sostegno delle piccole e medie imprese del territorio, litiga per affari di Stato. Mi meraviglio come la CNA, Coldiretti, ed Industria, che rappresentano le categorie che hanno più esigenze di uscirne, pensino a come denigrare il loro Presidente di Camera di Commercio, che sotto la veste di rappresentante di tutte le categorie d’impresa, ha ritenuto gratificante far nominare Presidente Peppino Giannone.
Cari dodici componenti insoddisfatti, siete sicuri che i vostri aderenti, condividano pianamente il vostro operato nei confronti del Presidente Sandro Gambuzza?»


PRECISAZIONE
12/09/2012 | 14.58.18
PINO OCCHIPINTI

Leggiamo che il gruppo " i delusi " contesta tra gli altri il comportamento della Lega Delle Cooperative. voglio precisare che la Lega Delle Cooperative non ha mai firmato nessuna diffida o biasimo che sia contro il presidente della Camera di Commercio di Ragusa. vogliate prenderne nota e rettificare. Grazie Pino Occhipinti