Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 825
RAGUSA - 06/09/2012
Attualità - Voluto dalla Prefettura sarà firmato lunedì dai vertici regionali di Confindustria

A Ragusa protocollo di legalità contro infiltrazioni mafiose

Il documento è frutto del percorso avviato nel 2007 da Confindustria Sicilia all’interno del suo Codice Etico, e assunto come principio nazionale quale elemento caratterizzante il ruolo attivo delle imprese italiane nell’assicurare comportamenti di legalità e di correttezza

Il protocollo di legalità, finalizzato al contrasto delle infiltrazioni criminali nel settore dei contratti di lavori, servizi e forniture pubblici e privati, sarà sottoscritto lunedì in prefettura. Saranno presenti il prefetto Giovanna Cagliostro, il Presidente di Confindustria Ragusa, Enzo Taverniti, il Vice Presidente di Confindustria con delega all’Education, Ivanhoe Lo Bello ed il Vice Presidente di Confindustria Sicilia, Giuseppe Catanzaro.

Il protocollo sarà anche sottoscritto dall’ Associazione Costruttori Edili – ANCE Ragusa - e prefigura nuove forme di collaborazione attraverso istituti innovativi quali l’elenco delle imprese immuni da infiltrazioni mafiose, la cosiddetta white list, ed il rating di legalità.

Il documento è frutto del percorso avviato nel 2007 da Confindustria Sicilia all’interno del suo Codice Etico, e assunto come principio nazionale quale elemento caratterizzante il ruolo attivo delle imprese italiane nell´assicurare comportamenti di legalità e di correttezza.

Viene così adottato in sede provinciale l´accordo sottoscritto dal Ministero dell’ Interno e Confindustria il 10 maggio 2010, rinnovato il 19 Luglio scorso dal Ministro Anna Maria Cancellieri e dal Delegato di Confindustria per la legalità, Antonello Montante. Il protocollo garantirà condizioni favorevoli al «fare buona impresa» e a rafforzare e a rendere più incisiva l’azione di tutela della legalità e della sicurezza nel territorio provinciale.