Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 1102
RAGUSA - 06/09/2012
Attualità - Numerose relazioni di esperti del settore al teatro Donnafugata di Ibla

Al via 8° convegno nazionale di speleologia

L’iniziativa è del Cirs Ragusa su mandato della Commissione nazionale Cavità artificiali della Società speleologica italiana e con il patrocinio della Fsrs
Foto CorrierediRagusa.it

Prende il via venerdì al teatro Donnafugata di Ibla l´ottavo convegno nazionale di speleologia in cavità artificiali, organizzato dal Cirs Ragusa su mandato della Commissione nazionale Cavità artificiali della Società speleologica italiana e con il patrocinio della Fsrs.

E´ previsto il saluto di Rosario Ruggieri, presidente Cirs Ragusa, di Amleto Trigilio, assessore regionale ai Beni culturali, di Giovanni Scarso, commissario straordinario Ap, di Corrado Bongiorno, presidente Federazione speleologica regionale siciliana, di Emanuele Doria, presidente Ordine regionale geologi di Sicilia, di Michele Betti, coordinatore commissione nazionale Cavità artificiali.

Poi il via alle relazioni; la prima si occuperà di «Idraulica ipogea: captazione e opere di raccolta». I lavori saranno moderati da Carla Galeazzi e Alessandro Ferrara. Angelo Iemmolo e Giorgio Colombo si occuperanno de «I sotterranei di palazzo S. Anna». A seguire Leonardo Lombardi e Carlo Germani che parleranno de «L’acquedotto Vergine di Roma: analisi degli interventi rinascimentali eseguiti nell’area del Pincio».

«L’acquedotto d’età romana del Serino in Campania (50 a.C.; I sec. d.C.) è il tema della successiva relazione. Nuove indagini speleologiche e ricostruzione topografica del percorso dell’antico acquedotto nel sottosuolo della città di Napoli» sarà il tema trattato da Rosario Varriale. «Gli acquedotti antichi dell’area archeologica di Akrai (Palazzolo Acreide, Siracusa)» saranno esaminati da Rosario Ruggieri e Lorenzo Guzzardi. Piero Barale parlerà di «Pollentia e l’antico acquedotto», «Un acquedotto sotterraneo a 2.000 metri di quota: il Pertus di Chiomonte e il Minatore colombano romean» sarà oggetto della trattazione di Andrea Milione. Quindi, alle 12,40 «La Fontana di Monte Pancali nei pressi di Carlentini (Siracusa)» al centro dell’intervento di Corrado Marziano e Augusto La Rosa. Dopo la pausa pranzo, la ripresa dei lavori della prima sessione è fissata alle 15 con le «Note descrittive sulle cavità artificiali presenti nell’area del teatro Pirandello di Agrigento» a cura di Giuseppe Lombardo ed Eugenio Vecchio.

Alle 17, ci sarà il trasferimento con navetta a Vittoria dove, a partire dalle 17,45, al chiostro dell’Antico convento dei frati minori, sarà tenuta una sessione distaccata dedicata agli ipogei presenti nel sottosuolo della città.