Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:28 - Lettori online 1392
RAGUSA - 01/09/2012
Attualità - I controlli dopo l’assegnazione delle frequenze per il passaggio al digitale terrestre

Emittenti televisive locali nel mirino della Finanza

Intanto si è tenuto un vertice a Catania per fare il punto sui finanziamenti regionali alle emittenti Foto Corrierediragusa.it

Emittenti televisive locali sotto la lente d’ingrandimento della Guardia di finanza del comando provinciale di Ragusa. I finanzieri stanno visionando le documentazioni e gli incartamenti presentati a suo tempo dalle emittenti per il passaggio al digitale terrestre, al fine di assicurarsi le frequenze. Per entrare nella graduatoria degli aventi diritto all’assegnazione in via definitiva delle frequenze digitali, difatti, bisogna rispettare determinati requisiti legati a diversi aspetti contabili e fiscali, oltre ad avere un determinato numero di dipendenti e ad assicurare una programmazione differente per i vari canali.

In altre parole, il capitale sociale delle società o delle cooperative che gestiscono le emittenti deve restare inalterato, così come il numero di lavoratori alle dipendenze delle emittenti, che devono pure garantire palinsesti differenti per i canali ai quali sono state assegnate le frequenze digitali. I finanzieri stanno accertando se, nel frattempo, alcune emittenti abbiano modificato il loro status rispetto a quanto dichiarato in fase di assegnazione delle frequenze.

CHI NON E´ IN REGOLA RISCHIA DI PERDERE LE FREQUENZE GIA´ ASSEGNATE
Nel caso fossero accertate determinate discrasie, scatterebbero le denunce, con pesanti sanzioni previste e la perdita delle frequenze digitali assegnate, che di conseguenza, tornerebbero libere e quindi a disposizione dei network nazionali, tra cui Rai e Mediaset, che non sono ancora visibili in parecchie zone della provincia anche e soprattutto a causa di questi motivi. Il responsabile per la Sicilia di Rai Way aveva addossato la responsabilità dei disagi del digitale terrestre agli installatori e agli antennisti.

Un’accusa giudicata gratuita e indegna dalla Cna, che aveva difeso i lavoratori, garantendo sulle rispettive professionalità. Nei prossimi giorni, quando terminerà il monitoraggio delle zone della provincia coperte dal digitale terrestre dove si registrano i maggiori problemi di ricezione, si terrà un incontro tra Rai Way e il sindaco di Modica, comune dove i problemi sono più gravi, e a seguire un altro incontro con Cna e gli antennisti.

VERTICE A CATANIA PER I FINANZIAMENTI ALLE EMITTENTI TELEVISIVE
Intanto si è tenuto un vertice a Catania per fare il punto sui finanziamenti regionali alle emittenti televisive, in gravissime difficoltà finanziarie dopo le ingenti spese sostenute per il passaggio al digitale. L´assessore regionale al lavoro ha assicurato che si proverà ad intercettare i finanziamenti grazie ai Por Fesr, in modo da fornire una boccata di ossigeno al settore. In provincia di Ragusa quasi tutte le emittenti locali hanno posto in cassa integrazione, totale o parziali, i lavoratori dipendenti, alcuni dei quali prossimi al licenziamento. I provvedimenti della Regione che saranno assunti a breve dovrebbero alleviare i problemi di cassa, fermo restando che le emittenti televisive che ne beneficeranno dovranno essere del tutto in regola.

I PROBLEMI DI RICEZIONE DEL DIGITALE TERRESTRE IN PROVINCIA
«Per il passaggio al digitale terrestre munisciti di un decoder o un televisore di ultima generazione, se non vuoi restare al buio». Questo il claim del martellante spot che per giorni è passato sulle emittenti locali. Ma, nonostante gli utenti si siano attrezzati, spendendo bei soldini anche per la revisione dell’impianto d’antenna, il buio, seppure parziale, è arrivato lo stesso, perlomeno per il 30% dei residenti di Ragusa, Modica centro e zone limitrofe. Il segnale del digitale terrestre, difatti, non riesce a coprire in maniera capillare tutto il territorio, come accadeva con l’analogico.

La particolare conformità di Modica, con il centro storico che si estende in fondo ad una cava, rende problematica la ricezione dei canali con il nuovo segnale digitale. E così accade che migliaia di utenti siano, dallo scorso 19 giugno, impossibilitati a ricevere buona parte del bouquet di canali Rai e Mediaset, per non parlare poi delle emittenti locali. In occasione degli Europei di calcio, sono stati in parecchi i telespettatori che hanno sacramentato per non aver neanche potuto vedere l’Italia in campo. Tutto questo nonostante il canone Rai venga pagato con puntualità, anche se per la televisione di stato questo non fa testo, in quanto il canone è assimilabile ad una tassa di proprietà per il semplice possesso di un televisore.

Una giustificazione che sa però di palese ingiustizia per i malcapitati telespettatori, i quali, riunitisi in un comitato, stanno maturando l’idea di una class action. Intanto la vicenda è approdata al Codacons regionale, che si sta attivando per addivenire ad una soluzione del problema. Del malcontento degli utenti si è fatto portavoce il consigliere comunale Nino Gerratana.

Ma il problema, oltre che Modica, riguarda buona parte del comprensorio modicano, con particolare riferimento a Pozzallo. Non se la passano bene neanche i residenti dei comuni montani, Chiaramonte Gulfi in testa. Anche in questi casi il malumore è palpabile e non sono escluse forme di protesta e class action.


niente mediaset
24/09/2012 | 0.06.49
katia

scusate ma a chi bisogna o si può denunciare qsto sopruso, ci hanno bombardato con qsto digitale facendo uscire il sole dal pozzo,promettendo migliore qualità, ma quando mai???!!! ladri!!! da settimane a Comiso e dintorni non vediamo niente!!!! nessuno che tuteli il cittadino e che porti le cose a conoscenza!!!vegogna!!!


Ok ho capito
01/09/2012 | 17.48.37
Simi

Ok ho capito bene allora..basta comprare un semplice decoder,una semplice parabola,un semplice antennista e.. per magia con soli 500 euro riusciro´a guardare un po di tv....la magia dei soldi


video mediterraneo
01/09/2012 | 15.45.44
giovanna

Io da circa due mesi non vedo video mediterraneo vedo tutti i canali rai, mediaset pero tranne il canale sopra citato io sono di Pozzallo non so come la situzione ci vorrei capire bene ci hanno detto che deve essre il comune a mettere un contributo ma vero questo?? Fatemi capire


30/08/2012 | 14.30.47
antonio

niente di tutto questo..specialmente a Ragusa...io sono un antennista e vado sistemando situazioni simili... antonioschembari@libero.it


raway
30/08/2012 | 11.46.18
ALICE

rayway chiocciola rai punto it mandate email a questo indirizzo