Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 396
RAGUSA - 19/08/2012
Attualità - I giovani hanno incontrato anche Teo Teocoli per la campagna voluta dall’amministrazione

Mario Biondi canta e promuove "Io bevo sicuro"

Tutto esaurito al castello di Donnafugata per il concerto del cantante
Foto CorrierediRagusa.it

Mario Biondi prima al «Met» e poi sul palco del castello di Donnafugata. Il cantante è stato testimonial insieme ad altri personaggi del mondo dello spettacolo, tra cui Teo Teocoli, e della musica nel progetto «Io bevo sicuro».

L’incontro ha messo in luce un artista a tutto tondo che non ha mancato di raccontare la sua carriera, parlare della musica, degli incontri anche fortuiti avuti per avviare nuove importanti collaborazioni. Biondi in serata ha poi tenuto un affollatissimo concerto al castello di Donnafugata, affollatissimo per l’occasione. Binodi ha dato il meglio di sé, non si è risparmiato nelle oltre due ore di concerto ed ha anche soddisfatto le richieste della platea che gli tributato lunghi e meritati applausi.

«Io credo – ha detto Biondi – che non dobbiamo stare qui a dire ai giovani cosa devono e cosa non devono fare. Sicuramente però, bisogna bere moderato. Anche io bevo il mio bicchiere di vino. Non ha mai fatto male a nessuno. Ma l’importante è bere con assoluta moderazione soprattutto quando si sa che poi ci si deve mettere in auto a guidare. Io lo inizio a dire anche ai miei figli. Ogni tanto ci può stare qualche brindisi, può essere anche conviviale, ma mai eccedere, mai andare oltre». Biondi, che ha fatto anche i complimenti all’Amministrazione comunale per il look di Marina di Ragusa, ha poi mostrato la magliettina di «Io bevo sicuro» anche durante il concerto a Donnafugata, parlando del progetto e lanciando pure dal palco il messaggio affinché non si faccia un abuso di alcool.

«Il progetto, fortemente voluto anche dal sindaco Nello Dipasquale, sta ottenendo sempre più successo – spiega l’assessore comunale ai Servizi Sociali, Francesco Barone – I giovani ne parlano tantissimo tra loro e questo era uno degli obiettivi da raggiungere assieme alla voglia di far capire che è possibile bere cocktail analcolici, continuano a divertirsi normalmente. Ringrazio quanti collaborano al progetto, a partire dal Sert che ha redatto i questionari che vengono somministrati ai giovani ad ogni appuntamento del progetto affinché si possa avviare un’indagine conoscitiva sull’uso dell’alcool tra le giovani generazioni».

(nella foto: Mario Biondi con l´assessore Ciccio Barone)