Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:51 - Lettori online 1182
RAGUSA - 04/08/2012
Attualità - Resteranno in vigore per tutto agosto le apparecchiature elettroniche

Nuova ordinanza anti rumore a Marina di Ragusa

Prefettura soddisfatta per i risultati conseguiti nel primo mese di attuazione delle direttive ma i controlli non sono uniformi

Nuova ordinanza anti rumore a Marina di Ragusa. Entra in vigore da questo fine settimana e sarà adottata per tutto il mese. Non ci sono sostanziali novità rispetto all’ordinanza precedente se non per alcuni aspetti tecnici che l’amministrazione ha messo a punto grazie alla concertazione con i titolari di bar, pub e ritrovi interessati.

L’ordinanza introduce in modo definitivo l’utilizzo dei limitatori nei locali che vogliono diffondere musica o offrire intrattenimento musicale ai propri avventori. Il limitatore dovrà essere adottato e tarato da un tecnico autorizzato che dovrà poi depositare la sua perizia presso l’ufficio tecnico comunale . Il dispositivo sarà impostato secondo i canoni consentiti per legge e regolerà tutta l’attività di emissione dei suoni. In caso di trasgressione dei limiti il locale potrà essere anche chiuso.

Chi non si doterà di limitatore di suono dovrà sospendere l’emissione della musica entro mezzanotte. L’amministrazione è impegnata grazie anche all’utilizzo di pattuglie di vigili urbani che sono sostenuti nel loro impegno dalle altre forze dell’ordine che in questo mese profonderanno il massimo sforzo per tenere sotto controllo le frazioni balneari ed in particolare i luoghi di ritrovo nel territorio della provincia.

A questo proposito il prefetto Giovanna Cagliostro ha ringraziato i rappresentanti provinciali delle forze dell’ordine per l’opera di prevenzione e vigilanza operata. Il sistema messo a punto secondo le direttive della Prefettura ha dato già i suoi primi risultati anche se i controlli rischiano di non essere uniformi su tutto il territorio.