Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 613
RAGUSA - 03/08/2012
Attualità - L’esito dell’incontro fra direttore generale aeroporti Pelosi, Enav ed Enac

Aeroporto, enti territoriali dovranno garantire risorse

Per Prefettura incontro positivo: «Inserire nello schema di convenzione una clausola che impegna enti territoriali a garantire ulteriori risorse economiche»

L’incontro fra il direttore generale per gli aeroporti e il trasporto aereo Gerardo Pelosi e i vertici di Enac e Enav (che il prefetto Giovanna Cagliostro aveva preannunciato e posto come condizione per fare interrompere lo sciopero della fame a Giovanni Cirnigliaro) c’è stato. Un incontro servito a individuare soluzioni volte a garantire l’operatività dell’aeroporto di Comiso. E comunque, entro mercoledì della prossima settimana si dovrebbe avere la firma della convenzione.

Il prefetto Giovanna Cagliostro giudica positivi gli sviluppi della riunione tenutasi presso la sede del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. «E’ emersa un’ipotesi attualmente allo studio- dichiara il comunicato della Prefettura- che prevede la possibilità di inserire nello schema di convenzione una clausola per la risoluzione consensuale del rapporto tra ENAV e SO.A.CO., al termine del biennio, qualora l’aeroporto di Comiso non fosse inserito tra gli scali di cui al Contratto di Programma, ovvero in mancanza di disponibilità, da parte degli Enti territoriali, a garantire ulteriori risorse economiche».

I partecipanti all’incontro hanno anche preso l’impegno di prevedere, dopo il primo anno di attività, una verifica dello sviluppo e dei livelli di traffico dello scalo comisano. Il Ministero, inoltre, nel confermare la disponibilità di ENAV a procedere in tempi ristretti alla presa in carico dei servizi in questione, ha comunicato che in merito all’ipotesi allo studio la riserva sarà sciolta nel corso della prossima settimana.

Soddisfazione è stata manifestata anche da Angelo Giacchi e Giovanni Cirnigliaro, quest´ultimo protagonista dello sciopero della fame durato 7 giorni e interrotto grazie all´intervento del prefetto. Scrivono Giacchi e Cirnigliaro: «Apprendiamo con soddisfazione dal prefetto di Ragusa Giovanna Cagliostro, che si è fatta parte diligente per la risoluzione in tempi rapidissimi delle questioni legate alla stipula della convenzione, l’esito dell’incontro. Visto le notizie confortanti che vanno nella giusta direzione, ovvero verso la celere apertura dello scalo comisano, resta sospeso lo sciopero della fame che sin d’ora riprogrammiamo per mercoledì in caso di notizie negative».