Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:31 - Lettori online 1172
RAGUSA - 09/07/2012
Attualità - Non siamo ancora in piena stagione estiva e i depuratori non reggono il carico fognario

Da Punta a Braccetto a Marina di Ragusa, mare sporco

A causa delle lievi mareggiate, una scia di liquami lunga almeno 5 miglia galleggia lungo la costa
Foto CorrierediRagusa.it

Da Punta a Braccetto a Marina di Ragusa, altro che bollino blu nel litorale ibleo! Dopo le lievi mareggiate di venerdì e sabato, una scia di liquami fognari (foto) lunga almeno 5 miglia (circa 10 chilometri) ha inquinato le acque dove, migliaia di bagnanti fiaccati dal caldo umido hanno cercato sollievo.

Probabilmente a qualcuno verrà in mente di spiegare la cosa dicendo che si tratta di scarichi di navi in transito. Ma quali navi? Chi vive già nelle zone balneari sa bene che le navi in transito sono talmente poche, e talmente lontane, che non potrebbero lasciarsi dietro queste «evidenti tracce di fogna».

E non bisogna neanche allontanarsi tanto dalla costa. Basta spostarsi a meno di 300 metri per vedere e soprattutto per sentire l’odore pregnante e fetido. Per molti, la causa è qualche depuratore mal funzionante o inadeguato all’aumentato numero di abitazioni. Ma quale dei depuratori che versano liquami nel mare? Non sarebbe nemmeno difficile individuarlo, per chi conosce bene correnti e maree. Fatto sta, che ancora non siamo in piena stagione, e già le acque del litorale ibleo sono tutte un programma. Sarà per questo che due giorni fa, il battello dell’ISPRA (Istituto superiore protezione e ricerca ambientale) faceva dei prelievi nel litorale ibleo?


Turismo? No, grazie..
10/07/2012 | 13.43.45
Davide Nicaso

..e questo sarebbe il biglietto da visita da offrire ai turisti che dovrebbero arrivare nel ragusano con l´apertura dell´aeroporto di Ragusa?..
..già da almeno una decina di giorni girano sul web fotografie scattate da bagnanti disgustati da nauseabondi olezzi che, disagio visivo a parte, temono per la propria salute..
..e chi dovrebbe porre rimedio a questa vergognosa situazione?...(purtroppo il sentimento della vergogna oggi non si manifesta più, contribuendo ad aumentare il degrado del nostro territorio)...molto probabilmente qualcuno che in questo momento si starà abbronzando ai bordi di lussuose piscine..


suggerimento
10/07/2012 | 5.54.26
CARLO

Mi viene spontaneo suggerire ai "controllori" di questo ricorrente e preoccupante fenomeno di utilizzare la vicinanza dell´aereosuperfice della scuola di volo "mosquito" dell´Oasi dei re( che ha sede proprio a Marina di Modica) per effettuare dei controlli dall´alto con riprese e fotografie che possano chiarire da dove nasce questo sverasmento in mare....se di versamento da terra si tratta....
Credo che il servizio di protezione civile di cui dispone la scuola di volo potrebbe aiutare molto...
se questo non si utilizza per tale occasione quando si dovrebbe utilizzare...


stiamo affondando
09/07/2012 | 22.42.55
marco

due anni fa mi sono imbattuto in una di queste chiazze e credetemi e´ stato traumatico per il cattivo odore , la domanda nasce spontanea ma dove esce tutto quello schifo e sopratutto non si potrebbe evitare in vista anche di qualche turista che solca i nostri mari , qualcuno si attivi per porre rimedio in quanto si tratta di salute pubblica