Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:11 - Lettori online 1724
RAGUSA - 01/07/2012
Attualità - Sebastiano D’Angelo prepara la 18esima edizione in forma sobria

Ragusani nel mondo anche contro crisi e depressione

La manifestazione compie 18 anni e anticipa al 4 agosto l’evento per non «ostacolare» le bancarelle di San Giovanni. I premiati 2012 sono il maestro Giovanni Corallo, compositore e direttore d’orchestra in Venezuela, di origine comisana, Giuseppe Cascone, nato a Pedalino, una delle trombe più calde d’Europa, Ruben Ricca, regista teatrale ispanico argentino di gran talento, con nonno modicano, Aldo Fronterrè, ragusano, oculista di chiara fama
Foto CorrierediRagusa.it

E’ un boomerang (foto) l’immagine simbolo della XVIII Edizione del Premio Ragusani nel Mondo, segno della spiccata tendenza del ragusano di involarsi verso l’alto, alla ricerca di mondi migliori, con un carico di speranze e di attese, ma sempre pronto a ritornare verso la terra di origine, anche e solo con i sentimenti, gli affetti e la voglia di mantenere forte il legame con la stessa.

Il premio, nato nell’estate del 1995, ha promosso ogni anno e senza interruzione figure di iblei con una storia particolare da raccontare, con spunti di positività da offrire come esempio, con profili di vita sconosciuti alla maggior parte dell’opinione pubblica iblea, ma degni di grande attenzione e interesse. Premiati con alle spalle una grande notorietà internazionale, come Susan Sarandon su tutti, non hanno intaccato la filosofia originaria del Premio, che ogni anno ha catturato l’interesse crescente di strati sempre più ampi di persone.

Un Premio nato con il cuore e fatto con il cuore, con una mozione di affetti e di sentimenti che la colloca in una posizione particolare nel novero di analoghi eventi del genere in altri ambiti territoriali, qualità che nel corso degli anni ha ricevuto crescenti apprezzamenti e riconoscimenti anche a livello internazionale.

Il conseguimento della maturità legata al XVIII anno segna anche una importante novità, legata all’anticipo della data, sabato 4 agosto, rispetto al tradizionale periodo di fine agosto/inizio settembre.
L’anticipo si è reso necessario per la compresenza delle bancarelle della festa di S. Giovanni in Piazza Libertà, nel primo week end successivo alla ricorrenza del Santo Patrono di Ragusa, che ha liberato anche il desiderio negli organizzatori di collocare l’evento nella parte centrale dell’estate.

La manifestazione quest’anno subirà gli inevitabili condizionamenti del difficile periodo che viviamo, con il taglio delle risorse pubbliche e private, che ne hanno messo in dubbio la realizzazione fino all’ultimo. L’Associazione Ragusani nel Mondo ha voluto ugualmente provare un nuovo allestimento, sia pure in modo più sobrio e senza l’enfasi organizzativa delle ultime edizioni, consapevole di offrire in questo segmento di vita sociale un segno di riscatto e di reazione contro la tendenza ormai diffusa e invasiva a lasciarsi risucchiare in un vortice depressivo che sta coinvolgendo poco per volta tutti gli italiani, stravolgendo usi, costumi e tradizioni consolidate.

Di sicuro rilievo i premiati scelti dal Comitato organizzatore, che vanno dal maestro Giovanni Corallo, compositore e direttore d’orchestra in Venezuela, di origine comisana, a Giuseppe Cascone , nato a Pedalino, una delle trombe più calde d’Europa, da Ruben Ricca, regista teatrale ispanico argentino di gran talento, con nonno modicano, a Aldo Fronterrè, ragusano, oculista di chiara fama.

Peppe Arezzo e la Sua Orchestra, composta da musicisti di gran talento, cureranno anche quest’anno la parte musicale della serata, conferendo contenuti di spettacolarità unitamente ad altri ospiti canori e del cabaret, e arricchendo una cerimonia che, pur risentendo del difficile momento economico, vuole mantenere i livelli organizzativi e di interesse raggiunti negli ultimi anni, e che si sostiene su una rete di aziende che mostrano attenzione e sensibilità verso eventi percepiti dall’immaginario comune come di « qualità.»