Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 1124
RAGUSA - 20/06/2012
Attualità - Il plico telematico fa ancora centro, nessun problema per il recapito elettronico delle prove

Esami di Stato: il ritorno di Aristotele al Classico. Lunedì 3a prova

Pe la prova di Greco una versione sulle "opere" della natura. Allo Scientifico analisi matematica e geometria. Lunedì la terza prova Foto Corrierediragusa.it

Appuntamento questa mattina con la seconda prova della maturità per i quasi 500 mila studenti italiani dell´ultimo anno delle superiori. Oggi gli studenti dei licei al classico sono alle prese con la traduzione dal greco di un brano di Aristotele « De partibus animalium». L´ultima volta di Aristotele alla maturità è il lontano 1978. Il filosofo è considerato un autore difficile da tradurre per la sua sinteticità e raffinatezza dello stile. Il titolo del brano proposto De Partibus animalium (in latino) «Non il caso ma la finalità regna nelle opere della natura». La versione,lunga mezza pagina non si può certamente considerare un brano particolarmente breve.

Allo scientifico si affronta la prova di Matematica con una prova di analisi matematica e di geometria, al linguistico con Lingua straniera; al pedagogico con Pedagogia con una traccia sull´apprendimento personalizzato e trasmissione del sapere codificato con un brano di Giuseppe Longo e David Miliband, all´artistico con Figura disegnata.

Per gli istituti tecnici e professionali sono state scelte materie che, oltre a caratterizzare i diversi indirizzi di studio, hanno una dimensione tecnico-pratico-laboratoriale. Per questa ragione la seconda prova può essere svolta, come per il passato, in forma scritta o grafica o scritto-grafica o scritto-pratica, utilizzando, eventualmente, anche i laboratori dell´istituto.

Gli studenti avranno quattro ore di tempo per consegnare gli elaborati ed attenderanno poi fino a lunedì quando si terrà la terza prova. Si tratta della prova elaborata dalla stessa commissione sulle materie oggetto di studio dell’ultimo anno di corso. La terza porova prevede una trattazione con risposte aperte, sintetiche o con la formula del verofalso.

La prova di Italiano

Temi coinvolgenti, vicini alla sensibilità degli studenti. Si possono sintetizzare così le tracce del tema di Italiano proposte agli esami di Stato. La prova è cominciata puntualmente alle 8.30 nei vari istituti. Le 76 commissioni coinvolte in provincia non ha avuto problemi con il «plico elettronico» che quest’anno ha fatto il suo esordio per la trasmissione dei testi da parte del Ministero.

I presidenti hanno provveduto a ritirare telefonini e ad isolare gli istituti dal punto di vista telematico per impedire contatti con l’esterno, poi la dettatura e l´illustrazione delle tracce da parte dei commissari di Italiano.

In ambito letterario è stato proposto un brano narrativo di Eugenio Montale contenuto nella raccolta «Auto da Fè» ma pubblicato originariamente come articolo sul Corriere della Sera. «Ammazza il tempo» è la riflessione del poeta che vede l’uomo impegnato a lavorare per accrescere i suoi bisogni inutili e si tiene occupato supponendo di essere libero. Quattro le tracce da svolgere con la tecnica del saggio breve, ovvero attingendo ai testi proposti per lo svolgimento.

La prima traccia per l’ambito artistico letterario è «Il labirinto» inteso come movimento e percorso esistenziale. La seconda per l’ambito storico è lo sterminio del popolo ebreo. Per l’ambito socio economico non poteva mancare l’analisi della crisi attuale con testi che porpongono numerosi dati statistici da interpretare e spiegare. Per l’ambito storico politico «Bene individuale e bene comune» con testi di Rousseau, De Rita e S. Tommaso, traccia che puntualmente ritorna sotto varie vesti agli esami di Stato.

Anche il tema dell’ambito tecnico scientifico è un ritorno sulla "Responsabilità della scienza e della tecnologia». Altro tema di carattere generale è una considerazione di Paul Nizan: "Avevo vent´anni. Non permetterò a nessuno di dire che questa è la più bella età della vita", tratta dal libro Aden Arabia. E´ la frase cui si ispirò Fernando Di Leo per il film del 1978 ´Avere vent´anni´. Tema molto vicino alla sensibilità degli studenti ed al loro malessere esistenziale.

Gli studenti avranno sei ore per lo svolgimento del tema e dovranno poi pensare alla seconda prova in programma domani. Al Classico la versione di greco, matematica allo Scientifico, traduzione - commento di un brano al Linguistico, prove per le quali i candidati avranno quattro ore a disposizione.