Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:21 - Lettori online 1176
RAGUSA - 18/06/2012
Attualità - Da Modica a Vittoria, non si arresta la protesta contro la dirigenza sanitaria iblea

Fli anti-Gilotta: "Mantiene 5 ospedali, smantella sanità"

Man mano che si avvicina la scadenza del mandato di questa dirigenza, cresce l’offensiva politica: «Non ha soppresso le unità semplici doppioni di unità complesse e volutamente mantenute per aumentare lo spreco con aggravio di spese (che prima o poi dovranno essere giustificate), personale medico e paramedico indispensabile e non sostituito»
Foto CorrierediRagusa.it

Sarà la calura elettorale che cresce, oppure l’approssimarsi delle dimissioni del governo Lombardo e la scadenza del mandato di Ettore Gilotta, sta di fatto che l’Asp 7 di Ragusa rimane sempre nell’occhio del ciclone. «Non siamo disposti ad accettare il mancato rispetto di quanto previsto dalle norme regionali e che non ci sia l’azzeramento dei vertici sanitari. Sarebbe il colmo che dopo la scadenza fossero prorogati proprio coloro che hanno smantellato la sanità».

A chiedere le dimissioni del manager e di tutto il suo staff, è il coordinamento provinciale di Fli. Il partito di Fini prende le mosse dalla notizia relativa allo smantellamento della guardia medica h24 nel reparto di Medicina dell’ospedale di Vittoria. E denuncia tagli ingiustificati e sprechi che continuano come se nulla fosse.

I vertici sanitari dell’Asp 7 vengono paragonati «a una dirigenza assente e bunkerizzata che invece di preoccuparsi dei rischi clinici è pronta a bandire concorsi inutili e per unità che dovrebbero essere dismesse; pronta però a creare progetti obiettivi non prioritari, ad aspettare la propria riconferma o meno».

Accuse pesanti, che arrivano a piazza Igea proprio a pochi mesi della fine del mandato del manager Gilotta. La direzione dell’Asp viene attaccata perché non distribuirebbe in maniera perequata le risorse economiche e umane fra i tre presidi. Vittoria, per dirla in parole povere, subirebbe tagli in tutti sensi a fronte di un notevole aumento di lavoro, di gran lunga inferiore nei presidi di Modica e Ragusa.

«Da tempo- scrive Fli- è stato avviato un disegno, proditoriamente meditato, per lo smantellamento e lo sfascio della sanità nel versante ipparino! Smantellamento della guardia attiva in Medicina, precari Asp «parcheggiati» e non ascoltati, servizi esternalizzati, mancata soppressione di unità semplici doppioni di unità complesse e volutamente mantenute per aumentare lo spreco con aggravio di spese (che prima o poi dovranno essere giustificate), personale medico e paramedico indispensabile e non sostituito».

Fli rimette il dito nella piaga della mancata chiusura dei centri inutili e doppioni, dove continua a rimanere personale mentre tutto il carico del lavoro viene dirottato al «Guzzardi» di Vittoria. «Abbiamo cinque ospedali-scrive Fli- e ne sono necessari tecnicamente ed obiettivamente solo 3 (gli altri due non devono essere soppressi, come qualcuno vuol far credere, ma solo riconvertiti in modo «intelligente»): in ogni caso non ci sarebbero le risorse per tenerli aperti tutti e cinque! Lo ha previsto anche il governo regionale, che poi è costretto a rallentare poiché c’è sempre qualcuno che «tira la giacca» da una parte o dall’altra secondo la convenienza personale di questo o quell’altro politico, senza mai pensare ai cittadini utenti.

La sanità in Sicilia, ma nel nostro territorio ibleo in particolare, va «ad ondate elettorali»! Nessuno dei politici, nessuno dei sindacalisti, nessuno dei dirigenti parla più di razionalizzare le risorse, nessuno parla dei turni usuranti ai quali sono costretti medici ed infermieri. Noi siamo contro tutto ciò! Da oggi denunceremo ogni illecito e lo perseguiteremo.

Nella foto da sx il presidente della Regione Raffaele Lombardo, il manager dell´Asp 7 Ettore Gilotta e l´addetto stampa Asp Paolo Oddo da un mese reintegrato nel servizio


risveglio..
20/06/2012 | 13.13.15
stega

signori del FLI BUONGIORNOOOOOO!!!!! ma in questi anni dove siete stati? vi siete accorti soltanto adesso dei problemi della sanita´ ipparina? è chiaro che le prossime elezioni regionali hanno svegliato il lungo letargo che vi ha contraddistinto.


Sindacati?
18/06/2012 | 12.55.39
peio

Sindacati?
l´unica cosa che interessa loro è far incrementare le entrate dei "soliti protetti"
(leggasi parenti ed affini). Di fronte ad una crisi generale che sta mettendo in ginocchio tutti e tutto
qual´è la proposta di questi matusa delle 24ore in finta similpelle? altro che sbattersi per chi un lavoro non lo tiene o per chi è condannato ad una vita di precariato o per un reparto che ha carenza di personale,
macchè a loro interessano solo "i picciuli" arraffarne quanto più, ed ecco piovere proposte INGIUSTIFICATE di
indennità aggiuntive ad personam.

Che schifo, e c´è chi ancora ci crede e vi rimane iscritto. Abbiate almeno la compiacenza di non presentarvi più come sindacati dei lavoratori ed usare un più concio "sindacato degli affari nostri". Ipocriti!