Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:49 - Lettori online 1171
RAGUSA - 08/06/2012
Attualità - Sindacati sono al fianco delle amministrazioni. Un protocollo sarà firmato in Prefettura

Sindaci confermano mobilitazione provincia giorno 22

Si yterrà nel pomeriggio ed una delegazione di lavoratori si recherà succesisvamente a Roma

Sindacati e sindaci uniti per la manifestazione di venerdì 22. Sarà un momento di lotta ma anche di presa di coscienza delle difficoltà che la provincia attraversa su molti versanti. All’ordine del giorno originario Cgil, Cisl ed Uil hanno voluto aggiungere altri temi scottanti.

Nella riunione di inizio mese infatti i due punti della mobilitazione erano il trasferimento agli enti locali di una quota ulteriore (il 20 per cento) delle risorse ricavate dall´Imu e la regionalizzazione del patto di stabilità. A questi si aggiunge ora la richiesta di un prestito di 20 milioni di euro alla Regione per dare ossigeno ai comuni, ed una serie di rivendicazioni legate ai tagli ai trasferimenti regionali. La manifestazione alle 18 di venerdì 22 e, subito dopo, una delegazione si recherà a Palermo e Roma per ribadire i contenuti della piattaforma.

Nel corso della riunione i rappresentanti sindacali con in testa Giovanni Avola sono stati molto agguerriti diversamente dai sindaci, sfiancati e forse disillusi da tante battaglie finora senza esito. Ci ha pensato Nello Dipasquale a tenere alto il nome dei sindaci; Dipasquale che in risposta all’appunto dei sindacati sul rischio di innescare una sfilata senza molto senso ha risposto: Non intendiamo compiere una passerella, quanto piuttosto lanciare l´ultimo disperato grido d´allarme degli enti locali.

I tagli ai trasferimenti regionali e nazionali, sempre più onerosi, testimoniano la morte, sempre più rapida e vicina, dei comuni. Prima del funerale, sotto forma di blocco totale dei pagamenti, per merito di una Regione e di uno Stato che hanno dimenticato il principio della sussidiarietà, vogliamo far sentire la nostra voce». Il protocollo contenente tutti i punti della mobilitazione sarà firmato, da tutti i sindaci in Prefettura, aprendo la manifestazione del 22.