Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:16 - Lettori online 966
RAGUSA - 06/06/2012
Attualità - Il ritardo annunciato di 24 giorni non è stato digerito

Per via Roma residenti contro Dipasquale con gli avvocati

"Dipasquale faccia una passeggiata in centro" dice la delegata Pd, Alessandra Sgarlata
Foto CorrierediRagusa.it

I residenti riccorono contro il comune per i disagi della sistemazione di via Roma e di tutto il sistema viario. Il ritardo annunciato di 25 giorni e le complicazioni per la posa delle basole e la sistemazione delle condutture della rete idrica hanno indotto alcuni residenti ad adire le vie legali contro il comune.

I cittadini chiedono il risarcimento dei danni ed Alessandra Sgarlata, delegato del quartiere Centro del Pd ha dato voce alla rabbia dei residenti: «I lavori procedono con evidente lentezza tra sostituzione delle condutture e posa delle basole. Dopo la festa di S. Giovanni via Roma verrà richiusa per completare le restanti opere, nella speranza che il cantiere non risulti pericoloso per bambini ed anziani. Al momento, invece, lo è. E mi riferisco ai passaggi disponibili per garantire il transito verso le attività commerciali e per passare da corso Italia a via Salvatore. Soprattutto per gli anziani, non c’è alcuna sicurezza per quanto attiene la loro incolumità».

Alessandra Sgarlata aggiunge che nell’ultimo incontro tra l’Amministrazione comunale, i commercianti e i residenti, la ditta appaltatrice ha garantito l’impiego di una seconda squadra di operai per velocizzare la posa delle basole. «Significa che i timori avanzati dalla Regione durante la valutazione dell’offerta – dice ancora la delegata del Pd – erano assolutamente plausibili.

Mi chiedo perché anche in questo caso, come per il parcheggio di piazza Poste (nella foto), non sia stata prevista, nel contratto d’appalto, una penale per ogni giorno di ritardo della ditta esecutrice dei lavori. Al sindaco Dipasquale, infine, rivolgo l’invito di compiere, ogni tanto, una passeggiata in centro per controllare lo stato dei lavori. Forse si renderebbe meglio conto delle cose che diciamo».