Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 465
RAGUSA - 21/05/2012
Attualità - Aumento del 3,5 % voluto da palazzo di viale del Fante, il massimo previsto per legge

Rc auto, salasso ad automobilisti: ultimo "regalo" dalla Provincia

«Siamo gli ultimi ad imporre l’aumento – si giustifica l’uscente presidente della Provincia Franco Antoci – I tagli dei trasferimenti dello Stato e le norme sul federalismo fiscale ci hanno imposto di intervenire»
Foto CorrierediRagusa.it

Dal prossimo luglio gli automobilisti iblei pagheranno il 3,5 % in più sulla Assicurazione auto. E’ l’aumento deciso dalla giunta provinciale che fa lievitare l’aliquota dall’attuale 12,50 per cento al 16 per cento, il massimo consentito per legge.

«Siamo gli ultimi ad imporre l’aumento – si giustifica l’uscente presidente della Provincia Franco Antoci (foto) – I tagli dei trasferimenti dello Stato e le norme sul federalismo fiscale ci hanno imposto di intervenire». La Provincia infatti incamererà una parte di questa tariffa che produrrà solo per la parte dell’aumento ben tre milioni e mezzo, che vanno ad aggiungersi ai dieci milioni che già arrivano dalla Rc Auto.

Lo Sna, sindacato nazionale agenti assicurazioni tra i più rappresentativi del comparto ha criticato la scelta dell’amministrazione provinciale soprattutto se rapportato a quanto succede in altre provincie italiane dove, in qualche caso la percentuale applicata è stata diminuita. Dice Angela Occhipinti, presidente provinciale Sna: «L’aumento ricadrà solo sulla testa di ogni singolo automobilista dell´area iblea ma come sindacalista non posso che auspicare che il maggiore introito della Provincia possa avere un ritorno in investimenti visibili e fruibili, destinati alla manutenzione viaria, alla sicurezza stradale ed alla divulgazione della cultura assicurativa, affinché si possa fare anche un´efficace opera di prevenzione degli incidenti». Questo aspetto è infatti una delle piaghe del sistema considerati i numeri dei sinistri in provincia.

Nel 2010 infatti i dati ufficiali parlano di 18 mila incidenti ed il coinvolgimento di 274 mila veicoli. Per le compagnie assicurative, ciò ha comportato un consistente incremento del rapporto "sinistri-premi" dell´80,6% (su ogni 100 euro del costo di polizza, cioé, sono stati pagati 80,6 euro di indennizzo per sinistri) contro il dato nazionale che si ferma al 73,2% e quello della Sicilia attestato al 76%. La frequenza dei sinistri è dunque del 7,88%. Rapportati ai quasi 18 mila incidenti si deduce che, purtroppo, molti veicoli circolano senza copertura assicurativa, a scapito di tutta la comunità.

E così gli automobilisti "virtuosi" pagano un´imposta Rc auto più salata e le casse della Provincia incassano di meno!» Insomma pagano, e tanto, quelli che sono in regola mentre c’è una larga fascia di «irregolari» al volante perché per loro il bollino assicurativo è letteralmente sconosciuto. Altro vizio tutto ragusano è quello di denunciare sinistri e danni alle persone più gravi di quanto in effetti si verifichi nella realtà dei fatti; le compagnie sono così costrette a pagare premi ed indennizzi che vengono spalmati necessariamente sui clienti con ripercussioni dirette sulle tariffe Rca che hanno toccato in questi ultimi tre anni aumenti superiori al 10 per cento.


24/05/2012 | 15.53.35
Pastrocchio

Parrinieddu spugghiatu!(homo??? sorridens....per prendere in giro il Prossimo).Per rim pinzare s´ stesso ed i suoi degni compari esaurisce il bilancio a lascia le casse vuote e una bella tassa a tutti noiSperiamo che il neo Commissario faccia un po´ di giustizia tagliando rami secchi,privilegie ´cumpariati´esistenta da tutto il decennio antoci!
Pastrocchio


IL PIU´ AMATO
23/05/2012 | 19.20.34
patrizia

Il presidente di Provincia più amato dagli Italiani, detto ´Presidente Scavolini´.


Vergogna senza pudore
23/05/2012 | 15.51.58
sergio arezzo

Ricordiamocene alle prossime consultazioni elettorali,di questi uomini e di quello che (non)hanno rappresentato e continuano a (non)rappresentare. Senza pudore contribuiscono a pesare sulle tasche degli inermi cittadini. Si tolgano dai piedi una buona volta e non tornino mai più


23/05/2012 | 10.36.44
Greg

E costui sarebbe il presidente della provincia più amato d´Italia?? Ma chi ha fatto il penoso sondaggio?
A casa!


topi nel formaggio
21/05/2012 | 22.42.58
slurp

Questi qui sono come i topi nel formaggio: troverebbero da rosicchiare anche la crosta, leccherebbero la carta e si porterebbero a casa pure il veleno, tanto sono immuni e gli fanno da vitamine...